Il Presidente di Confartigianato Guerrini: «Inaccettabile l'inasprimento delle sanzioni»

«Gli infortuni sul lavoro rappresentano una grave emergenza sulla quale da sempre Confartigianato pone la massima attenzione, ma la battaglia contro gli incidenti sul lavoro non
può basarsi esclusivamente sull’inasprimento delle sanzioni a carico delle aziende, bisogna puntare su interventi di prevenzione e formazione, coinvolgendo aziende e lavoratori, ma anche
la scuola e le famiglie».

E’ quanto dichiara il Presidente di Confartigianato Giorgio Guerrini il quale sottolinea: «Le risorse economiche esistono. Basti pensare all’ingente avanzo di gestione annuale dell’Inail.
Però bisogna usarle nel modo giusto, per ridurre i premi pagati dalle aziende virtuose e per finanziare azioni e progetti volti ad accrescere la sicurezza sui luoghi di lavoro».

Guerrini sottolinea che «proprio le piccole imprese hanno garantito una consistente e costante diminuzione degli infortuni, come dimostrano le statistiche dell’INAIL. Dal 2000 al 2006
infatti, gli infortuni sul lavoro nell’artigianato sono diminuiti dell’11%, a fronte di un calo del 7,7% degli infortuni per il totale dell’industria e dei servizi».

«Il confronto con il Ministero del Lavoro non è ancora concluso. Ci auguriamo – conclude Guerrini – che il Governo sappia cogliere le nostre proposte che vanno nel senso di una
crescita della cultura della legalità, della sicurezza e della prevenzione».

Leggi Anche
Scrivi un commento