Piemonte: Qualificazione del lavoro delle “badanti”, campagna sulle cinture di sicurezza, retribuzioni dei direttori delle aziende sanitarie

Nuove iniziative per qualificare il lavoro delle assistenti familiari, lancio della campagna di comunicazione sull’uso delle cinture di sicurezza e criteri di retribuzione delle
indennità di risultato dei direttori delle aziende sanitarie sono i principali argomenti trattati dalla Giunta regionale durante la riunione odierna e illustrati agli organi di
informazione dal vicepresidente Paolo Peveraro e dagli assessori Teresa Angela Migliasso, Eleonora Artesio e Luigi Sergio Ricca.

Per quanto riguarda le assistenti familiari (le cosiddette “badanti”), la Regione finanzierà con 1.870.000 euro, derivanti da un accordo sancito nel 2007 con il
Ministero per la Famiglia, gli enti gestori delle funzioni socio-assistenziali (Comuni e consorzi di Comuni) che attiveranno sportelli informativi, azioni di comunicazione e di
rafforzamento delle competenze, servizi di tutoraggio e di sostituzione da parte di un assistente socio-sanitario. “Si potrà così – ha sostenuto Migliasso –
sensibilizzare le famiglie sull’utilizzo di personale qualificato con rapporti di lavori regolari, rafforzare le competenze di queste persone con la partecipazione a moduli di
formazione/tirocinio retribuiti con voucher che permettono anche di accedere alla qualifica di operatori socio-sanitari, contribuire all’emersione dal lavoro nero”.

Dal 26 settembre al 2 ottobre la Regione, in collaborazione con 81 Comuni piemontesi, attuerà la campagna di informazione “Viaggio allacciato”. L’iniziativa si
propone, come ha sottolineato l’assessore Ricca, “di aumentare l’informazione sulla necessità di viaggiare in auto con le cinture di sicurezza allacciate anche
da chi si trova nei sedili posteriori e di utilizzare gli appositi seggiolini per i bambini, due comportamenti che purtroppo sono ancora poco diffusi”. I vigili urbani
controlleranno ogni giorno almeno dieci veicoli ciascuno e diffonderanno materiale informativo nelle scuole elementari e materne del luogo. Tra le città aderenti gli otto
capoluoghi di provincia, Acqui Terme, Bra, Carmagnola, Casale Monferrato, Chivasso, Collegno, Cossato, Grugliasco, Ivrea, Ovada, Pinerolo, Saluzzo, Settimo Torinese, Trecate e Valenza
Po.

La corresponsione ai direttori delle aziende sanitarie del trattamento integrativo per il 2008, pari al 20% del compenso annuo, avverrà nel rispetto di alcuni precisi parametri.
“In base a quanto previsto dal Piano socio-sanitario regionale – ha annunciato Artesio – sono stati estrapolati precisi obiettivi, come l’andamento gestionale-finanziario, i
programmi di vaccinazione della popolazione infantile e sul papilloma virus, l’assistenza a domicilio e in residenza dei pazienti dopo la fase acuta, la riduzione delle liste di
attesa, l’inserimento in azienda dei soggetti deboli, in quanto gli enti pubblici devono dare il buon esempio, e, per quanto riguarda l’area di Torino, un aumento di almeno
il 5% nell’ultimo semestre delle prenotazioni con il Sovracup. I dati saranno resi pubblici”.

La Giunta ha inoltre approvato:

– su proposta dell’assessore Sergio Conti, il disegno di legge di adeguamento al decreto legislativo sul “Codice dei beni culturali e del paesaggio”, che impone la
revisione urgente delle leggi regionali sull’argomento dopo che lo Stato, forte di alcune decisioni della Corte Costituzionale, ha scelto di rivendicare la sua esclusiva
competenza sulla tutela del paesaggio e ha introdotto nell’ordinamento disposizioni con le quali molta legislazione regionale è in aperto contrasto;

– su proposta dell’assessore Luigi Sergio Ricca, le modalità di gestione del Fondo di solidarietà per le vittime di atti di terrorismo o di criminalità,
previsto dalla l.r. n.23/2007 sulla sicurezza integrata, che stabilisce che i benefici economici previsti siano erogati alle vittime di eventi verificatisi dal 1° gennaio 2007 ed
agli enti locali e consorzi di servizi sociali che realizzano interventi di assistenza e aiuto a queste persone;

– su proposta dell’assessore Daniele Borioli, il parere favorevole, subordinato al rispetto di una serie di prescrizioni, sui progetti presentati da Rete Ferroviaria Italiana per
la soppressione di 17 passi a livello ad Alpignano, Chivasso, Verolengo, Borgomanero, Briga Novarese e Gozzano;

– su proposta dell’assessore Mino Taricco, un nuovo bando per le campagne di promozione in materia di pesca ed acquacoltura.

Leggi Anche
Scrivi un commento