Piemonte: Formaggi DOP piemontesi, al via la campagna di comunicazione e valorizzazione

La Regione Piemonte, in collaborazione con IMA Piemonte, promuove una campagna di comunicazione e di valorizzazione dei formaggi DOP piemontesi, presentata oggi in una conferenza stampa
a Torino, presso l’Assessorato Agricoltura in corso Stati Uniti, dall’Assessore Mino Taricco e dal Presidente IMA Angelo Giordano.

La campagna pubblicitaria riguarda le sei DOP (denominazione di origine protetta) prodotte
esclusivamente in Piemonte: Toma Piemontese, Bra, Raschera, Castelmagno, Robiola di Roccaverano e Murazzano. Partirà il 12 novembre per una durata di quattro settimane, con
annunci stampa, spot televisivi e distribuzione di cartoline e pieghevoli nei punti vendita, a livello regionale, per poi estendersi nel 2009 in Lombardia e Liguria.

Il progetto di valorizzazione nasce da un impegno che la Regione si è assunta, con uno stanziamento di 200.000 euro per il 2008 e 200.000 euro per il 2009, maturato
nell’ambito del tavolo regionale sul latte, per favorire il rilancio di un comparto che sta attraversando una fase di difficoltà.

“I formaggi protagonisti di questa campagna – ha affermato l’Assessore Taricco – sono delle vere e proprie perle di qualità, che hanno una forte vocazione
territoriale e al tempo stesso una grande riconoscibilità a livello nazionale e internazionale. E sono profondamente legati alla sapienza produttiva, in molti casi artigianale
del nostro territorio: non a caso hanno ottenuto la denominazione DOP, che a livello comunitario rappresenta uno dei disciplinari più rigorosi, quanto a zona di provenienza,
lavorazione e commercializzazione. Naturalmente non sono gli unici: ci sono i formaggi prodotti anche in altre Regioni, oltre a realtà di nicchia molto particolari, tra cui il
Toumin dal mel, che è in attesa di riconoscimento.

Questa campagna intende contribuire a diffondere la conoscenza dei formaggi piemontesi presso il pubblico dei consumatori e fornire un sostegno concreto al settore lattiero-caseario che
sta attraversando una fase non facile.”

La DOP è un riconoscimento comunitario, che prevede disciplinari rigorosi non solo sulle metodologie produttive, ma anche sulle zone di provenienza: tanto la produzione quanto le
fasi successive di lavorazione e commercializzazione devono essere realizzate in un’area geografica specifica. Complessivamente i formaggi DOP piemontesi sono nove e sono
certificati dal 1996: ai sei protagonisti della campagna, si aggiungono Gorgonzola, Grana Padano, Taleggio, prodotti anche in Lombardia e in altre regioni.

Leggi Anche
Scrivi un commento