Parmalat: Geronzi rinviato a giudizio per estorsione nel processo Eurolat

Il banchiere Cesare Geronzi, ex presidente di Capitalia, è stato rinviato a giudizio per bancarotta societaria ed estorsione nell’ambito del processo Eurolat, uno dei filoni
dell’inchiesta sul crack della Parmalat. Rinviati a giudizio per bancarotta societaria anche l’ex numero uno di Cirio Sergio Cragnotti e l’ex manager Riccardo Bianchini Riccardi per i quali
invece si è scelto di non procedere per l’estorsione.

Il Gup di Parma Roberto Spanò ha prosciolto i tre indagati dall’accusa formulata in precedenza, quella di bancarotta fraudolenta. Per Geronzi cade l’aggravante nel reato di estorsione
proprio perché non è più ipotizzato il concorso nel reato con gli altri due imputati.

Leggi Anche
Scrivi un commento