Pancia da birra? Solo un mito!

Pancia da birra? Solo un mito!

Pancia da birra: questo il nome che, almeno una volta si dava, alla presunta capacità della birra di far ingrassare in maniera più che notevole.

Bene, la pancia da birra non esiste: a dirlo, una ricerca dell’University of California, diretta dal professor Charles Bamforth e pubblicata sul “Time”.

Secondo Bamforth e colleghi, ” La pancia da birra è soltanto un mito. La principale fonte di calorie in qualsiasi bevanda alcolica è l’alcol stesso”.

Detto altrimenti, le calorie della birra sono calorie “normali” come quelle di un qualunque altro alimento. L’unico caso di danno particolare legato alla birra è l’ascite, la presenza intorno all’addome di fluidi visibili e causa di gonfiore: tuttavia, la malattia è quasi sempre correlata a gravi danno al fegato.

Sull’argomento pancia da birra si è espresso anche la dottoressa Aliyah Sohani, del Massachusetts General Hospital. Per la dottoressa, la leggenda può essere nata a causa dello strumento di consumo: bottiglie e lattina di birra sono molto più capienti del normale bicchiere di vino. Perciò, quando si beve birra, “Si sta bevendo in quantità maggiori
che col vino o liquore, così si tende ad avere un’assunzione calorica maggiore. Si sta parlando di una differenza tra qualche centinaio di calorie e duecento calorie a notte”.

Allora, conclude il capo-ricercatore, non è vero che si possa bere birra a volontà, senza conseguenze: semplicemente, “I rotoli di pancia in più hanno la stessa probabilità di essere causati da qualsiasi fonte di calorie, allo stesso modo della vostra birra preferita”.

Matteo Clerici

Leggi Anche
Scrivi un commento