Organizzazione Mondiale della Sanità: Almeno il 15% delle coppie in età fertile ha problemi di infertilità

Organizzazione Mondiale della Sanità: Almeno il 15% delle coppie in età fertile ha problemi di infertilità

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, almeno il 15 per cento delle coppie in età fertile ha problemi di infertilità. Sono problemi o patologie dettati da
errati stili di vita, infezioni o vere proprie malattie che vengono scoperte solamente nel momento in cui una coppia va alla ricerca di un figlio, senza aver alcun esito. Inoltre, sotto il
profilo medico si inizia a parlare di problemi di infertilità in una coppia dopo due anni di rapporti liberi non protetti, senza gravidanza.

«Il tema della fertilità, o dell’infertilità è sottovalutato dalla maggior parte delle persone», osservano Michael Jemec e Thierry Suter specialisti in Medicina
della riproduzione e fondatori del centro ProCrea di Lugano. «Non esistono campagne di informazione mirate a sensibilizzare le coppie su quali possono essere gli ostacoli alla
fertilità ed è difficile fare prevenzione. In più, nelle donne uno degli ostacoli maggiori alla gravidanza è l’età: più tempo passa e meno
probabilità ci sono di andare incontro ad una maternità».

Per questo, il centro di medicina della riproduzione ProCrea ha deciso di proporre per la terza volta l’iniziativa del “porte aperte”. Un pomeriggio dove gli esperti del centro luganese
si mettono a disposizione per affrontare con le coppie interessate il tema della fertilità, o meglio, dell’infertilità. «L’occasione è anche quella di fare chiarezza
sulla procreazione assistita: un tema di cui si fa ancora troppa fatica a parlare», precisa il direttore di Procrea, Maurizio Minoli. «Davanti a tecniche ormai consolidate e
che permettono alle coppie con problemi di infertilità di coronare il loro sogno di diventare genitori, la procreazione rimane abbastanza sconosciuta e guardata con diffidenza».

Sabato 26 novembre ProCrea mette a disposizione la propria struttura e il proprio personale per approfondire questi temi in una giornata di “porte aperte”. Nel pomeriggio gli esperti del
centro svizzero saranno a disposizione delle coppie. Inoltre, ci sarà la possibilità di visitare la clinica. La struttura di via Maraini 8, che si sviluppa su cinque piani con una
superficie complessiva di 1.800 metri quadrati, raccoglie sei studi medici, laboratori di embriologia e andrologia, due sale operatorie con i locali per la sterilizzazione e sette camere post
intervento, oltre a ProCreaLab, il laboratorio di genetica.

Il “porte aperte” di Procrea si svolge dalle 14.30 alle 16.30 con le visite libere della struttura. Lo staff medico e scientifico sarà a disposizione per presentare gli aspetti della
procreazione medico assistita. Una pausa caffè darà inoltre la possibilità di approfondire a livello individuale eventuali tematiche con medici e biologi.

Chi fosse interessato a partecipare è invitato a chiamare il numero 41.91.92455.55, oppure a mandare una e-mail al seguente indirizzo: info@procrea.ch indicando come oggetto “giornata
porte aperte” per confermare la propria presenza. L’incontro é gratuito e aperto a tutti.

ProCrea – Con una lunga esperienza nel campo della medicina della riproduzione, ProCrea è il maggiore centro di fertilità della Svizzera ed è un polo di
riferimento internazionale. ProCrea è composto da un’équipe professionale di medici, biologi e genetisti specialisti in fisiopatologia della riproduzione.

Unico centro svizzero ad avere al suo interno un laboratorio accreditato di genetica molecolare, ProCrea esegue analisi genetiche per lo studio dell’infertilità con tecniche
d’avanguardia.

La sede principale è a Lugano in via Clemente Maraini, 8.

www.procrea.ch

Redazione Newsfood.com+WebTv

Leggi Anche
Scrivi un commento