Nuovi limiti reddittuali per la Social Card

Nuovi limiti reddittuali per la Social Card

Nuovi limiti reddituali per l’ottenimento della social card. È questa la sostanza del messaggio n. 384 del 7 gennaio 2010 dell’Inps. L’aggiornamento della soglia di reddito utile
per aggiudicarsi la carta acquisti, istituita dalla manovra d’estate del 2008, deriva dal decreto interministeriale n. 15964 del 2009 che ha stabilito la perequazione sia dei limiti reddituali
che dell’Isee, ancorandoli agli aggiornamenti pensionistici.

In virtù di quanto previsto dal citato decreto l’adeguamento definitivo per il 2009 è pari al 3,2%, mentre quello presunto per l’anno in corso si attesta sullo 0,7 per cento.

La social card è una carta di debito, sulla quale vengono accreditati 40 euro mensili, con cui si possono effettuare acquisti di generi alimentari o pagamenti di bollette, è
assegnata ai cittadini italiani, residenti in Italia, di età pari o superiore ai 65 anni o di età non superiore a 3 anni, che rispondano a determinati requisiti.

I nuovi limiti reddituali e Isee resi noti dall’Inps sono 6.235,35 euro (a fronte dei 6.192 del 2009 e dei 6.000 del 2008) per i cittadini da 0 a 3 anni e con età compresa tra 65 e 70
anni, elevati a 8.313,80 euro (rispetto a 8.256 del 2009 e 8.000 del 2008) per coloro che hanno compiuto 70 anni.

Sempre nello stesso messaggio l’ente fa presente che sia le domande che le carte prepagate già assegnate non hanno scadenza. Scade, invece, la dichiarazione Isee che deve essere presentata
dagli intestatari della social card ogni due mesi, rilasciata in un giorno compreso nel bimestre di riferimento.

L’istituto ricorderà l’adempimento agli interessati, inviando loro una lettera che, a regime, verrà spedita nel bimestre precedente a quella di scadenza della dichiarazione.
Lilia Chini

Redazione Newsfood.com+WebTV info@newsfood.com

Leggi Anche
Scrivi un commento