Nocciole a confronto al VI Panel di Giffoni

Nocciole a confronto al VI Panel di Giffoni

Roma – Le diverse varietà di nocciole italiane del raccolto 2009 si confrontano a Giffoni Sei Casali nel VI Panel di assaggio ufficiale, all’interno della VIII Assise Nazionale
Città della Nocciola (25-27 settembre). Ne dà notizia un comunicato. Il panel dal valore scientifico, che si terrà sabato 26 nella sede della Nocciolioteca delle Colline
salernitane a Sieti (frazione di Giffoni Sei Casali), è composto dai maggiori esperti delle regioni coricole italiane (professionisti che operano nell’agronomia, nella chimica,
nell’enogastronomia e nell’analisi organolettica).

Attraverso l’uso di una scheda di assaggio delle nocciole, sia secche che tostate, che è stata realizzata dai tecnici della Città della Nocciola, in collaborazione con il
Dipartimento di produzione vegetale dell’Università della Tuscia di Viterbo e il Cefas, Azienda formazione e sviluppo della Camera di Commercio di Viterbo, vengono esaminate diverse
varietà di nocciole, come la Tonda Gentile delle Langhe (Piemonte), la Tonda Gentile  Romana (Lazio), la San Giovanni e la Tonda di Giffoni (Campania), le Nocciole dei Nebrodi e delle
Madonie (Sicilia) e la Tonda Calabrese (Calabria).   

La prova di assaggio, eseguita sia sul frutto essiccato che su quello tostato con grado di tostatura media, permette di individuare i profili sensoriali delle varietà, con gli scopi,
condivisi dall’Associazione nazionale Città della Nocciola, di informare il consumatore, aiutare il produttore a valorizzare il proprio prodotto e contribuire ad innalzare il livello
qualitativo delle nocciole.   

“Stiamo contribuendo all’affermazione della qualità, accompagnando i produttori e garantendo i consumatori – ha affermato Irma Brizi, assaggiatore esperto, Panel leader, Accademia Sagetum,
eleiotecnico -. E’ la cultura della fiducia e della reciprocità che si afferma nelle produzioni locali e nei mercati. E’ un risultato culturale, prima ancora che economico commerciale”.
Per Rosario D’Acunto, presidente nazionale della Città della Nocciola, inoltre, nell’analisi sensoriale del raccolto ci sono “processi di alta qualità ordinati allo sviluppo delle
autentiche potenzialità del ‘marchio’ nocciola, quale elemento trainante dello sviluppo dei territori”.

Ansa.it per NEWSFOOD.com

Leggi Anche
Scrivi un commento