Natruly: il cioccolato che fa bene!

Natruly: il cioccolato che fa bene!

Modificare il concetto da “prodotto che non fa male” a “prodotto che fa bene”: è la filosofia di Natruly, start up spagnola sbarcata in Italia da circa un mese portando con sé la prima linea di cioccolato naturalmente dolce grazie alla radice di cicoria che comprende: la crema di nocciole e cacao, 4 tipi di tavolette di cioccolato Chocolicius, fondente, al latte, con arancia e zenzero, con lamponi e fave di cacao, 2 varietà di arachidi ricoperte di cioccolato, al fondente e al latte. Con un alto contenuto di fibre, la radice di cicoria consente di eliminare i dolcificanti e ha molti effetti benefici: aiuta il rilassamento e il sonno, favorisce la digestione e il rinnovamento della flora intestinale, abbassa la glicemia, aumenta la sazietà e aiuta perdita di peso. Le abbuffate natalizie di cioccolata sono al sicuro!

La rete commerciale italiana si basa su accordi con i principali player del settore salutistico, tra cui Macrolibrarsi, Sorgente Natura, Numeri Primi, Naturplus, Melaverde Bio, che appena partiti hanno registrato il tutto esaurito. Numeri Primi ha visto andare a ruba proprio la crema spalmabile nocciole e cacao e le tavolette di cioccolato con la radice di cicoria, che in negozio i bambini hanno soprannominato il cioccolato che sorride per il packaging giocoso e il disegno di un sorriso.

 

L’attrazione per i sapori dolci è ancestrale. Per molti diventa un conforto psicologico. Ma il consumo eccessivo di zuccheri è nocivo: è correlato all’insorgenza di carie dentale, obesità, diabete e malattie cardiovascolari. A sostenerlo sono le “Linee Guida per una sana alimentazione” del Ministero della Salute, curate dal Centro di Ricerca Alimenti e Nutrizione. Partendo da questa consapevolezza Natruly ha scelto di fare la differenza ideando nuovi prodotti salutari, compreso il cioccolato.

Come si è arrivati alla radice di cicoria? È stata una scoperta fortunata e vincente, che l’azienda ha fatto propria dopo oltre 3 anni di ricerche. «Siamo partiti dallo sviluppo della crema spalmabile a base di cioccolato e per il 43% di nocciole: l’abbiamo addolcita con lo zucchero aggiunto più sano, quello di cocco, che ha un basso indice glicemico, e una piccola quantità di zucchero, intorno al 10% – 15%, invece del 50% o 60% che si trova nella maggior parte di prodotti analoghi. Siamo arrivati a un buon risultato – spiega Niklas Gustafson, fondatore di Natruly insieme Octavio Laguía -. Ma ci siamo scontrati con un problema inaspettato: le alte temperature separano l’olio di nocciola dal cacao. Abbiamo quindi ritirato le creme che stavamo lanciando e siamo tornati in laboratorio per cercare nuove strade. Nelle nostre ricerche per risolvere il problema abbiamo incontrato la radice di cicoria. Ci è voluto del tempo per ottenere la formula giusta, ma fin dall’inizio abbiamo capito che questa era una rivoluzione: oltre a funzionare per amalgamare gli ingredienti, la radice di cicoria ci ha consentito di eliminare i dolcificanti».

 

Oggi quello di Natruly è il cioccolato più sano sul mercato. Consistenza e sapore sono perfetti e non c’è traccia di zucchero. Perché allora l’uso della radice di cicoria non è diffuso? «Non è facile trovare la ricetta giusta per usarla, – risponde Laguía -. Non è uno zucchero o un dolcificante, non interagisce allo stesso modo con gli altri ingredienti. Noi abbiamo affrontato un percorso di tentativi, segnato da numerosi fallimenti, prima di arrivare alla soluzione. È anche più costosa di altre alternative. Soprattutto, per fare questa scelta occorre essere spinti dalla reale volontà di creare prodotti davvero sani».

 

L’inserimento di questi prodotti nella propria alimentazione contribuisce a tenere sotto controllo il consumo giornaliero di zucchero, battendo le raccomandazioni dell’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) che consiglia di restare sotto il 5%, circa 25 g, di zuccheri liberi cioè quelli aggiunti agli alimenti e alle bevande e di solito presenti nei prodotti confezionati. Una percentuale che secondo Natruly è eccessiva e contro la quale si batte. Inoltre, se è vero che la prevenzione di patologie legate all’assunzione di zucchero parte dalla corretta educazione alimentare, l’OMS propone anche ai singoli Paesi di lavorare sulla trasparenza delle etichette dei prodotti contenenti zucchero. Una regola non obbligatoria per legge, che Natruly ha fatto propria scegliendo un linguaggio onesto e trasprente per le proprie etichette.

Leggi Anche
Scrivi un commento