Nutrimento & nutriMENTE

«Natale a Km zero»: Coldiretti Ferrara promuove i tradizionali cesti fatti con i prodotti del territorio

By Redazione

Ferrara, 13 Dicembre 2007 – Ci guadagna sia il portafoglio che l’ambiente, si riscoprono i sapori più autentici della tradizione, si promuove l’intero territorio: è
l’operazione “Natale a Km zero” che Coldiretti Ferrara ha presentato alla stampa stamattina, “a fronte di un acquisto di prodotti alimentari, la famiglia media può risparmiare ogni mese
oltre 100 euro nel preferire produzioni a km zero, ovvero del nostro territorio”. Lo ha ricordato il Presidente di Coldiretti Ferrara, Mauro Tonello, invitando i consumatori a preferire
acquisti locali, anche in occasione delle imminenti festività natalizie, tempo di spese che si annunciano quest’anno più salate del solito. “E’ evidente che se preferiamo
l’esotico al locale o comunque non possiamo fare una scelta consapevole come consumatori – ha evidenziato il direttore di Coldiretti, Andrea Crestani,- visto che l’origine dei prodotti è
ancora una informazione difficile da scoprire, possiamo contribuire all’inquinamento complessivo, favorendo quel sistema che mette in viaggio per migliaia e migliaia di km i prodotti
alimentari. Che peraltro alla fine del viaggio non hanno certamente le migliori caratteristiche nutrizionali ed organolettiche”.

La moda della frutta fuori stagione, ma anche delle verdure disponibili in ogni stagione ha un prezzo e non si parla in questo caso solo di qualche centesimo: il cesto natalizio trovato nella
grande distribuzione con tutti prodotti di provenienza straniera non costa certamente meno di un cesto “a km zero”, con tutti prodotti ferraresi che è possibile reperire solo con un po’
di attenzione e maggiore consapevolezza.
Con l’acquisto di prodotti del territorio, o comunque made in Italy, possiamo dare un contributo molto concreto all’abbattimento dei gas serra, visto che la gran parte dei trasporti di
alimentari avviene via gomma, con i TIR che hanno di fatto sostituito i magazzini dei rivenditori, e che abbiamo visto in occasione delle manifestazioni di questi ultimi giorni, in poco tempo
possono mettere in crisi l’intero sistema distributivo. La possibilità di trovare i prodotti locali è sempre maggiore, sia presso le stesse aziende agricole di produzione, dove
accanto alla frutta e verdura di stagione è possibile trovare anche salumi, formaggi, confetture, biscotti, farina, passata di pomodoro, succhi di frutta, fiori, piante, vino, liquori,
miele, sottoli, carne bovina e suina, pollame, uova? una gamma insomma in grado di accontentare la gran parte delle esigenze dei consumatori, sia nei vari mercatini che si tengono in gran parte
della provincia.
L’importanza dell’iniziativa della promozione dei prodotti a km zero per gli acquisti natalizi è stata ribadita anche dal Presidente della Associazione della Strada dei Vini e dei Sapori
della provincia di Ferrara, Renzo Ricci, che ha evidenziato come sia proprio la missione dell’associazione proporre i prodotti del territorio, garantendoli attraverso il rispetto di specifici
disciplinati di qualità, e rendendoli disponibili in un rapporto a rete da parte dei diversi soci: dai produttori agricoli, agli agriturismi, ai ristoranti, ai commercianti, qualificando
l’offerta del made in Ferrara. Si è anzi detto disponibile ad operare affinché le ceste a km zero possano essere una proposta concreta della Strada, riconoscibili con un marchio
di qualità specifico, contribuendo alla conoscenza di Ferrara, del suo territorio, delle sue particolarità.
Per i cittadini ed i turisti che hanno scelto Ferrara come meta di viaggio in occasione delle festività è possibile trovare in centro, nella principale piazza ferrarese, a pochi
passi dal Duomo e dal Castello, nell’ambito della Fiera del Regalo di Natale, diverse aziende agricole e di produzione, socie di Coldiretti e della Strada dei Vini e Sapori, che offrono i
propri prodotti per un acquisto intelligente e gustoso.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: