Nasce Giorgio Bartholomaus 2006, il nuovo monovitigno Tenuta Argentiera

Nasce Giorgio Bartholomaus 2006, il nuovo monovitigno Tenuta Argentiera

Tenuta Argentiera presenta Giorgio Bartholomäus, un vino unico frutto di un amore incondizionato per la terra in cui è nato. Si tratta di un Merlot in purezza di altissimo livello,
uno dei pochissimi e preziosi monovitigni della zona, prodotto in una limitata selezione di bottiglie e solo nelle annate idonee alla sua eccezionale qualità. Questo nuovo importante
vino, verrà presentato per la prima volta assoluta a novembre, con l’annata 2006. 

Giorgio Bartholomäus è frutto di un’accurata scelta di sole uve Merlot che crescono su un altopiano a 200 m.s.l.m. e che nell’annata 2006 hanno sviluppato eccezionali
caratteristiche di maturazione. Dopo una lenta fermentazione di trenta giorni ad una temperatura controllata di circa 28/30°, il vino è stato trasferito in barriques di rovere
francese (Allier e Troncais) dove è stato iniziato un affinamento di 24 mesi ultimato successivamente in bottiglia per ulteriori 12 mesi.

L’eccezionale invecchiamento e le straordinarie caratteristiche organolettiche, hanno dato vita ad un vino elegante e di “grande personalità”, un raro prodotto di un territorio che come
pochi sa offrire vini di altissima qualità e spessore. La magica poesia che accompagna ogni frutto del lavoro dell’uomo con la terra, si accompagna qui ad una storia familiare ricca di
fascino.

Giorgio Bartholomäus è infatti dedicato ad un nuovo componente della famiglia, nato proprio nel 2006 e del quale il vino porta il nome, Giorgio Bartholomäus appunto, primo
nipote di Corrado Fratini il quale, grande appassionato di Merlot, ha voluto realizzare questo vino come importante espressione del territorio e del proprio amore per la famiglia.

Gianluigi Veronesi / DEGUSTA

Nasce Giorgio Bartholomäus 2006 il nuovo monovitigno Tenuta Argentiera

Nasce Giorgio Bartholomäus 2006 il nuovo monovitigno Tenuta Argentiera

Livello altissimo, tiratura limitata, territorio vocato: un merlot in purezza come il nuovo Giorgio Bartholomaus di Tenuta Argentiera lo aspettavano in tanti, ma non tutti potranno berlo. Ci si
appresta a scaldare i calici per un’assaggio in anteprima dell’annata 2006.

 

Tenuta Argentiera presenta Giorgio Bartholomäus, un vino unico frutto di un amore incondizionato per la terra in cui è nato. Si tratta di un Merlot in purezza di altissimo
livello, uno dei pochissimi e preziosi monovitigni della zona, prodotto in una limitata selezione di bottiglie e solo nelle annate idonee alla sua eccezionale qualità.

Questo nuovo importante vino, verrà presentato per la prima volta assoluta a novembre, con l’annata 2006.  Giorgio Bartholomäus è frutto di un’accurata scelta di sole uve
Merlot che crescono su un altopiano a 200 m.s.l.m. e che nell’annata 2006 hanno sviluppato eccezionali caratteristiche di maturazione.

Dopo una lenta fermentazione di trenta giorni ad una temperatura controllata di circa 28/30°, il vino è stato trasferito in barriques di rovere francese (Allier e Troncais) dove
è stato iniziato un affinamento di 24 mesi ultimato successivamente in bottiglia per ulteriori 12 mesi.  L’eccezionale invecchiamento e le straordinarie caratteristiche
organolettiche, hanno dato vita ad un vino elegante e di “grande personalità”, un raro prodotto di un territorio che come pochi sa offrire vini di altissima qualità e
spessore. 

La magica poesia che accompagna ogni frutto del lavoro dell’uomo con la terra, si accompagna qui ad una storia familiare ricca di fascino. Giorgio Bartholomäus è infatti dedicato ad
un nuovo componente della famiglia, nato proprio nel 2006 e del quale il vino porta il nome, Giorgio Bartholomäus appunto, primo nipote di Corrado Fratini il quale, grande appassionato
di Merlot, ha voluto realizzare questo vino come importante espressione del territorio e del proprio amore per la famiglia.

Gianluigi Veronesi / DEGUSTA

Leggi Anche
Scrivi un commento