Mozzarelle: Coldiretti, uso latte bufala da Brasile è inganno

Mozzarelle: Coldiretti, uso latte bufala da Brasile è inganno

L’impiego di latte congelato proveniente dalle bufale allevate in Brasile è un inganno per i consumatori e gli allevatori italiani se non viene indicato chiaramente in etichetta sulle
mozzarelle messe in vendita. E’ quanto afferma la Coldiretti in riferimento all’importazione in Campania dal Brasile di latte di bufala congelato,da parte della fazenda Ilha Grande Investments
che alleva bufali su un’estensione di 80 mila ettari in Brasile. Un progetto che, se vero, dovrebbe partire ad agosto e prevede la consegna di 20mila chili al giorno di latte di bufala in
Campania.

In attesa dell’introduzione dell’obbligo di indicare in etichetta la provenienza della materia prima impiegata  latte utilizzato in tutte le mozzarelle, per garantirsi l’origine nazionale i
consumatori possono acquistare mozzarella di bufala campana garantita dal marchio a denominazione di origine (Dop) ottenute sula base di uno specifico disciplinare approvato dall’Unione
Europea.

Dal 12 giugno 1996, la mozzarella di bufala campana – spiega la Coldiretti – ha ottenuto il riconoscimento del marchio a Denominazione di origine protetta (Dop) sulla base di un disciplinare che
definisce i metodi di produzione e delimita l’area di provenienza nell’intero territorio delle province di Caserta e Salerno, nei comuni di Amorosi, Dugenta e Limatola in provincia di Benevento,
e in quelli di Acerra, Giugliano, Pozzuoli, Qualiano, Arzano, Cardito, Frattamaggiore, Frattaminore e Mugnano di Napoli in provincia di Napoli, oltre che in alcuni comuni delle province di
Frosinone, Latina, Roma, Foggia e Isernia. Con la certificazione comunitaria è stata riconosciuto da parte dell’Unione Europea il legame storico con il territorio e – conclude la
Coldiretti – tutelato l’uso della denominazione nei confronti di prodotti di imitazione.

Coldiretti.it
Redazione NEWSFOOD.com + Web TV

Leggi Anche
Scrivi un commento