Montenegro be the Vero Bartender – The Experience

Montenegro be the Vero Bartender – The Experience

Montenegro be the Vero Bartender – The Experience

Il gruppo Montenegro per la prima volta ha aperto le porte del proprio stabilimento produttivo a giornalisti, bartender ed operatori del settore.
E’ con grande gioia che abbiamo accettato l’invito a partecipare a questa esperienza.

 

L’Amaro Montenegro e la Vecchia Romagna Buton facevano parte delle bevute dopo cena di quando ero ragazzo, ormai tanti anni fa.
Ma, oltre alle piacevoli bevute, mi hanno regalato anche forti emozioni:
– L’Amaro Montenegro, allora della famiglia Seragnoli, sponsorizzava la squadra di Baseball che tanto ha vinto anche in Europa.
– La Vecchia Romagna Buton apparteneva allora alla famiglia dei Conti Sassoli De Bianchi che ho conosciuto quando giocavo a golf e di cui ancora oggi mi onoro di essere amico.

 

Amaro Montenegro 2016-06-27

Amaro Montenegro 2016-06-27

 

L’accedere ai magazzini di stoccaggio del brandy Vecchia Romagna Buton con le grandi botti di rovere ha aperto nel database del mio cervello l’archivio dei ricordi di bei momenti in compagnia del “brandy che crea l’atmosfera”, come recitava il grande Gino Cervi.
Ma questo evento era l’occasione per l’apertura dell’Amaro Montenegro come elemento base di coctails.

Quindi visita allo stabilimento dove con vari tipi di estratti dalle 40 erbe, bollitura, macerazione e distillazione, si procede poi all’assemblaggio per avere il famoso gusto vero.
Poi in aula è stata svelata tutta la complessità che si cela dietro l’Amaro Italiano per eccellenza.
Da oltre 130 anni la ricetta di Amaro Montenegro è gelosamente custodita.

 

 Per la sua realizzazione, occorrono 40 botanical sapientemente selezionati e un articolato processo ispirato alla qualità assoluta.
L’herbalist del Gruppo Montenegro, Matteo Bonoli, ha raccontato, durante una ricca sessione di educational, come avviene l’incontro tra erbe, profumi mediterranei e ingredienti da tutto il mondo rivelando alcuni passaggi caratteristici del processo produttivo di Amaro Montenegro.


Abbiamo avuto la possibilità di vedere, toccare ed annusare buona parte di questi ingredienti. E infine assaggiare un bicchierino di Montenegro per cercare di riconoscere le essenze che lo compongono.
A mio parere personale ho avuto la sensazione che fosse meno alcolico e più morbido di quello che bevevo 40/50 anni fa.

A seguire la masterclass tenuta da Giuseppe Gallo, pluripremiato mixologist che vanta una esperienza ventennale nel settore per la dimostrazione di questa affinità elettiva tra Amaro Montenegro e il mondo dei coctails.

Gallo, con il supporto del bartender  Rudi Carraro (Artesian di Londra, oggi collaboratore anche dell’azienda Montenegro), ha mostrato la procedura di preparazione di tre coctail a base di Amaro Montenegro “Montenegroni”, variante del celebre “Negroni”, il “Monte Mule”, sulla scia dell’ormai arcinoto “Moscow Mule”, e per finire un “Monte Manhattan”, twist on classic dell’intramontabile “Manhattan” che poi sono stati fatti assaggiare ai partecipanti.

 Debbo dire sinceramente che non sono riuscito ad apprezzare il Montenegroni: Il “Negroni” è il mio coctail preferito.

A chiudere la giornata, un’evento a sorpresa.
Al Parco Villa Angeletti era stata organizzata una piattaforma con un bancone  bar e relative poltrone tutte attorno con gli ospiti, seduti e legati con le cinture di sicurezza
Una gru ha poi sollevato il tutto a 40 metri di altezza.
Giuseppe Gallo e Rudi Carraro, gli unici rimasti in piedi hanno preparato e servito un Monte Spirited Soda.

Sorseggiare cocktail a 40 metri d’altezza non è cosa di tutti i giorni: l’esperienza regalata dal Gruppo Montenegro
 è un’esperienza indimenticabile come il montenegro!

Carlo Alberto Tozzola
testo e foto
bigcarlo.com – bolognacookingschool.com
per Newsfood.com

 

 ==========================
GRUPPO MONTENEGRO
Fondato nel 1885, Gruppo Montenegro è una realtà imprenditoriale italiana leader di mercato nei settori alimentare e bevande alcoliche che vanta brand da sempre nell’immaginario degli italiani: Amaro Montenegro, Vecchia Romagna, Infusi Bonomelli, Thè Infrè, Olio Cuore, Spezie Cannamela,
 Polenta Valsugana, Pizza Catarì.

Iconici simboli del Made in Italy, rappresentano al meglio la costante ricerca dell’eccellenza nel rispetto della tradizione e l’attenzione particolare alla qualità dei prodotti e alla loro sostenibilità che da sempre contraddistinguono Gruppo Montenegro.

Grazie ad una solida rete distributiva nazionale e internazionale, i brand del Gruppo si confermano ancora oggi dei veri e propri ambasciatori della cultura e della tradizione italiana.

==================================

Redazione Newsfood.com

Leggi Anche
Scrivi un commento