Ministero del Lavoro: il divieto di nuove assunzioni nella Pubblica Amministrazione non è esteso alle categorie protette

Ministero del Lavoro: il divieto di nuove assunzioni nella Pubblica Amministrazione non è esteso alle categorie protette

Il Ministero del Lavoro, con nota prot. n. 15270/2009, in risposta ad un quesito posto dall’Agenzia Liguria Lavoro, precisa che le assunzioni obbligatorie delle categorie protette di cui alla
legge 12 marzo 1999, n. 68 sono escluse dal divieto delle nuove assunzioni nella Pubblica Amministrazione ( L. 3 agosto 2009, n. 102). Tale legge stabilisce che “dal 1° luglio 2009 e sino al
conseguimento degli obiettivi di contenimento della spesa assegnati a ciascuna amministrazione, le amministrazioni e gli enti interessati non possono procedere a nuove assunzioni di personale a
tempo determinato ed indeterminato, ivi comprese quelle già autorizzate e quelle previste da disposizioni di carattere speciale. Sono fatte salve le assunzioni dei corpi di polizia, forze
armate, vigili del fuoco, università, enti di ricerca, magistratura e comparto scuola nei limiti consentiti dalla normativa vigente”. Tale interpretazione tende a prevalere l’esigenza
d’inserimento e d’integrazione lavorativa dei soggetti protetti. Tale divieto permane solo per gli enti che non provvedano agli adempimenti in materia di organizzazione e disciplina degli uffici,
nonché in materia di dotazioni organiche.

Francesca Bertinelli

Leggi Anche
Scrivi un commento