Milano: L’abbazia di San Paolo d’Argon (Bg) ospiterà un centro studi e formazione sulla nautica da diporto

Milano: L’abbazia di San Paolo d’Argon (Bg) ospiterà un centro studi e formazione sulla nautica da diporto

Milano – L’abbazia di San Paolo d’Argon (Bg) ospiterà un centro studi e formazione sulla nautica da diporto. E’ la principale decisione assunta dal Collegio di Vigilanza
dell’Accordo di programma per il restauro e la valorizzazione di questo complesso, presieduto dall’assessore alle Culture, Identità e Autonomie della Lombardia, Massimo Zanello.

I sottoscrittori dell’Accordo, componenti del Collegio di Vigilanza (Provincia di Bergamo, Università degli Studi di Bergamo, Comune di San Paolo d’Argon, Parrocchia di San Paolo Apostolo
e Diocesi di Bergamo, insieme con Regione Lombardia), hanno infatti condiviso l’opportunità di affiancare al Centro Studi e Documentazione sulle Migrazioni, al Museo dell’Emigrazione e
alle altre funzioni spirituali e culturali già  previste, una funzione formativa appunto legata alla nautica da diporto con l’obiettivo di rivitalizzare l’Abbazia come centro di
promozione culturale e attore dello sviluppo economico del territorio.  

Ed ecco il comunicato congiunto emesso al termine dei lavori.  

“In considerazione dei recenti e apprezzabili sviluppi in ambito economico produttivo propri del territorio bergamasco, che ha espresso nei settori manifatturiero e di progettazione, una assoluta
vivacità e una eccellente risposta dai mercati interni ed Europei, si è ritenuto opportuno formulare un’estensione della missione di rivitalizzazione dell’Abbazia di San Paolo
d’Argon che comprendesse un’ulteriore connotazione economica, formativa ed educativa.

In particolar modo si è inteso rinforzare l’azione complessiva sull’Abbazia affiancando al ruolo spirituale e culturale delle azioni già previste nelle premesse dell’accordo di
programma, un centro studi e formazione legato al settore della nautica da diporto che, con la dignità di Polo formativo, contribuisca alla crescita e allo sviluppo del capitale umano
nelle aree più emergenti dell’economia di sistema Regionale e Provinciale. Rinforzare e consolidare la dimensione propria del Monastero come sostegno al rilancio dell’economia insieme alla
cultura e alla tradizione, costituirà fonte di un’integrante valorizzazione dello stabile, favorendo nel contempo lo sviluppo e il consolidamento di una tematica innovativa, ma bene
radicata nell’economia lombarda, qual è quella nautica.

La Lombardia infatti, oltre ad una lunga tradizione nel settore della diportistica e una predisposizione geografica alla navigazione lacustre e fluviale, può vantare più di un
quarto delle aziende e dei lavoratori impegnati in Italia nel settore della nautica da diporto e un elevatissimo numero di aziende che contribuiscono a vario titolo alla filiera. Solo nella
provincia di Bergamo sono più di 65 le imprese che si occupano di costruzione e riparazione di imbarcazioni, senza contare il notevole indotto e l’accessoristica che vi si
affiancano.

Investire nell’alta formazione diventerà un modo per trasformare in strutturale eccellenza un settore che negli ultimi cinque anni ha visto raddoppiare il proprio giro d’affari e che
rappresenta da tempo un’avanguardia del Made in Italy, nonostante l’attuale flessione. Sarà inoltre una risposta reale, nelle mareggiate dell’economia attuale, ai fabbisogni di
specializzazione ed innovazione del settore (si parla di una richiesta di circa 20.000 unità lavorative altamente specializzate nel giro dei prossimi dieci anni) per il rilancio dello
sviluppo produttivo e del capitale immateriale”.

Leggi Anche
Scrivi un commento