Margherita Hack, Signora delle stelle

Margherita Hack, Signora delle stelle

(La Redazione di Newsfood.com: pubblichiamo il necrologio de La Signora in Rosso in memoria di Margherita Hack e ci uniamo in rispettoso cordoglio).

Alessandria, 1° luglio 2013      
La Signora in Rosso:
Trilla il telefono. Sono ammirata dalla sua voce calda e profonda, la saluto, le spiego perché abbiamo pensato a lei “termine fisso d’eterno
consiglio”.

La Notte dei Ricercatori è un’importante e significativa occasione d’incontro fra ricercatori e cittadini nell’ambito dell’iniziativa “Researchers Night” promossa dalla Commissione
Europea.

Mirata alla diffusione della cultura scientifica e alla conoscenza delle professioni della ricerca è, dal 2005, una ghiotta occasione per avvicinarsi al mondo della scienza in un contesto
stimolante e informale.

Scopo della telefonata è proporle di essere la madrina dell’edizione alessandrina 2013.

L’aspettativa non va delusa. La sua curiosità, la sua disponibilità hanno il sopravvento. Va bene. Accetto. Per il saluto ci appoggiamo a skype!

E’ il 19 giugno 2013 e sono le 10:30 a.m. Mancano 10 giorni.

Margherita Hack è splendida. La veste rigorosa ed essenziale nei toni del blu scuro e del marrone scuro, le braccia mezze scoperte, i capelli “al vento” con l’onda sbarazzina che le
accarezza la fronte. Gli occhi vivaci e curiosi. Lo sguardo da ragazzina.

L’ho appena salutata, sono ammirata e timorosa, non mi par vero ma è vero  le sono al fianco nel momento di percorrere il breve tratto che separa l’entrata riservata del Cine Teatro
Alessandrino e il palcoscenico.
 
Cammino in pendenza ed è una sensazione nuova.

Tutto esaurito per Margherita Hack. Sopra, sotto, qualcuno vuole ancora entrare. Si acconterebbe anche di un posto in piedi! E’ il 14 febbraio 2007.

Perché tanto entusiasmo?  Perché tanto successo?

La città vive l’evento con particolare emotività sebbene sia per la seconda volta in Alessandria…  è, anche, San Valentino…e Margherita, Signora delle stelle,
monopolizza l’attenzione dei ritrosi alessandrini!

Appoggia il marsupio sul tavolo ed è un fiume in piena. Nessun foglio, nessuna traccia. La sua esposizione è chiara, limpida semplice come solo i
Grandi sono in grado di fare…e tu a compiacerti per riuscire a comprendere, a metterti in sintonia…sono due ore intense. Si racconta, ci racconta, ci spiega, ci commenta, si esalta, ci
commuove, ci strabilia, si descrive, ci descrive. Regna il silenzio e la concentrazione è massima.

29 giugno 2013. A qualche ora dalla sua morte, alcuni  alessandrini che l’avevano ascoltata commentano conserverò un ricordo ancora più bello della grande scienziata! – penso
sia stato bello averla conosciuta! –  è stato veramente un incontro fortunato! – ne conserverò gelosamente il ricordo! – non so lei sarebbe stata contenta, comunque io le ho
detto una preghiera! – la morte di Margherita Hack è davvero una grande perdita per la scienziata, per la donna! – ho sempre pensato che certe menti non dovrebbero spegnersi, mai!

Nel suo grande giardino l’usignolo continua a gorgeggiare, i fiori continuano a sbocciare, i gatti fanno le fusa e  la vita si rinnova.

“…quando ci sono io non c’è la morte e quando c’è la morte non ci sarò io” soleva ripetere.

L’Unione Astronomica Internazionale ha denominato l’asteroide 1995PC, scoperta da Andrea Boattini e Luciano Tesi, “8558 Hack”.
 

                               
La Signora in lutto
per Newsfood.com

Leggi Anche
Scrivi un commento