FREE REAL TIME DAILY NEWS

Erasmo Peracchi, la scomparsa: Cordoglio dell’Istituto Europa Asia

Erasmo Peracchi, la scomparsa: Cordoglio dell’Istituto Europa Asia

By Redazione

Sent from my BlackBerry® wireless device
—–Original Message—–
Date: Wed, 20 Feb 2013 11:41:37
Subject: Erasmo Peracchi – La scomparsa – Cordoglio dell’Istituto Europa Asia

Istituto Europa Asia
Achille Colombo Clerici ne ricorda l’intensa vita, la  finezza e la sensibilità culturale, l’indomita passione per il sociale

LA SCOMPARSA DI ERASMO PERACCHI

Erasmo Peracchi, grande figura di uomo politico e di cultura milanese, si è spento all’età di 95 anni.

Con profondo cordoglio lo ricorda il presidente di Assoedilizia e dell’Istituto Europa Asia Achille Colombo Clerici.

Nella sua biografia intensa si riflettono i grandi eventi che hanno coinvolto la città e il Paese.

Poco prima della guerra, conosciuto padre Agostino Gemelli, si iscrisse all’Università Cattolica (dove si laureò nel 1946 con la tesi “Organizzazione della produzione nelle officine
meccaniche di medie dimensione”), allievo di Lazzati; quindi l’evento bellico, la campagna di Russia quale ufficiale, l’8 settembre, il sanguinoso scontro con i tedeschi e la cattura,
l’avventurosa fuga dalla colonna che lo trasportava verso il campo di concentramento grazie all’intervento della fidanzata che poi divenne sua moglie; quindi la clandestinità, la
Liberazione e la ricostituzione dei partiti democratici, l’adesione alla Democrazia Cristiana nel gruppo del Senatore Vittorino Colombo (protagonista dell’apertura dell’Italia alla Cina), “Centro
Studi Achille Grandi”, assieme a figure come  Alessandro Buttè, Ettore Calvi, Antonio Marzotto Caotorta, Angelo Caloia, presidente dello Ior e del Mediocredito Centrale, Carlo
Bianchi, Gianni Verga, Giuseppe Palmisano, Andrea Villani, Massimo Gargiulo.

Tra  i tanti incarichi impegnativi non disdegnava quelli amicali, quali il circolo “Onusti e Vetusti”, occasione di incontri sereni, assieme agli amici, fra cui Nadir Tedeschi e Giampiero
Cassio, Ambrogio Colombo, Mario Bassani, Enrico De Mita, Benedetto Radaelli, Ambrogio Colombo, Mario Bassani, Enrico De Mita, Benedetto Radaelli, Alcide Luini.

Peracchi visse in prima persona, quale Presidente della Provincia di Milano (1965-1974) l’autunno caldo del ’69.

In lui si incontravano finezza e sensibilità culturale, con la chiara percezione del valore  
del lavoro e del suo significato nell’esperienza umana ed economica, con una indomita passione per il sociale.

Foto: Angelo Caloia ed Achille Colombo Clerici

Redazione Newsfood.com

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: