Mangiare Junk food, dimagrire e rimanere in salute

Mangiare Junk food, dimagrire e rimanere in salute

Mangiare junk food, in abbondanza e per molto tempo. Ed il tutto ottenendo benefici alla salute, come un minore peso ed una migliore forma fisica.

Questo il risultato di un esperimento del professor Mark Haub, dell’Università Statale del Kansas.

Per 10 settimane il professore ha seguito una dieta a base di cibi-spazzatura: dolci a base di Pan di Spagna, biscotti, latte intero, del frappé a base di proteine. Uniche intruse, le
verdure crude.

Alla fine di tale periodo, si è sottoposto ad analisi cliniche, che hanno evidenziato cambiamenti psico-fisici.

Innanzitutto, si è così notato come Haub fosse dimagrito: partendo da un peso di 91,3 alla fine della prova faceva segnare 79,2 Kg.

Inoltre, era diminuito l’Indice di Massa Corporea, il livello di colesterolo nel sangue e la pressione sanguigna. In più, il sonno era diventato più regolare e meno soggetto ad
apnee notturne (russava meno).

Soddisfatto dei risultati ottenuti, lo studioso mette però alcuni paletti.

Il primo sono le regole della dieta: durante l’esperimento, si è rispettato il limite di 1.800 calorie al giorno, sostenendo l’organismo con integratori vitaminici.

In più, lo stesso Haub sostiene come la sua prova debba essere presa con la dovuta cautela. Come riporta la pagina Facebook dell’accademico, “Io non sto raccomandando o sto promuovendo
questo approccio. Sto semplicemente cercando di illustrare che i cibi ritenuti distruggi diete, causa di obesità, diabete ecc. di per sé non facciano questo”.

In ogni caso, la ricerca del professore ha suscitato la viva disapprovazione di molti addetti ai lavori.

Secondo gli esperti, l’unica cosa dimostrata è che si può dimagrire riducendo e controllando le calorie. Purtroppo, concludono gli scienziati, qualcuno potrebbe tentare una
propria “dieta junk food”, senza però tenere contro calorie e della qualità del cibo.

FONTE: Madison Park “Twinkie diet helps nutrition professor lose 27 pounds”, CNN.com 8/11/010

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento