“Mangia carne e sarai un amante cattivo”, polemiche per lo spot PETA

“Mangia carne e sarai un amante cattivo”, polemiche per lo spot PETA

L’associazione: “La carne ostacola la tua vita sessuale”. Il Web si divide, gli esperti: “non esiste correlazione diretta”

Mangi carne? Avrai problemi con il sesso. Questo il messaggio dellultima campagna pubblicitaria PETA: pensata per promuovere una dieta vegetariana, sta provocando critiche e polemiche.

Nello spot, giovani uomini e donne sono a letto, chiaramente insoddisfatti. Tra di loro, seduto comodamente, un animale: gallina, maiale, anche una mucca. E poi, gli slogan PETA: “La carne ostacola la tua vita sessuale” e “Mangia carne o prodotti animali e sarai un amante cattivo”.

Non stupisce come la pubblicità abbia diviso, generando dibattiti, critiche e discussioni.

Per alcuni, PETA ha colpito nel segno e, in ogni caso, anche se il concetto fosse estremizzato, rimarrebbe valida l’intenzione, ridurre il consumo di carne per aiutare l’uomo ed il pianeta.

Altri sono più critici, ed accusano lo spot di essere “Ideologico ed approssimativo”.

Tra questi, il dottor Raphael Perez, medico nutrizionista. Intervistato dall’Huffington Post, egli ha sostenuto come “Si punta a scioccare, ma non esiste un legame così diretto e chiaro tra consumo di carne e scarsa libido specialmente nelle persone di 20-30 anni come mostra la campagna”.

Di base, spiega il medico, un consumo abbondante di carne può influire sul sistema circolatorio e “Fare salire il colesterolo, portando ad effetti negativi sulla libido”. Tuttavia, non esiste una correlazione diretta. E poi, ci sono alimenti più dannosi: “ Un vegetariano che consuma alimenti trasformati non sarà né più sano né un amante migliore di chi mangia carne. Stesso discorso per chi consuma tanto alcol”.

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore,  la redazione e la proprietà, non necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento