Maltempo, il Po è salito di 2,5 metri in un giorno

 

Il livello idrometrico del fiume Po è salito di quasi due metri e mezzo in un solo giorno per effetto delle precipitazioni che hanno creato difficoltà a molti fiumi con
piene, esondazioni e argini rotti. E’ quanto emerge da un monitoraggio della Coldiretti nella serata del ventuno gennaio nel sottolineare che la nuova ondata di maltempo oltre ad aver
provocato allagamenti e frane nelle campagne mette a rischio la produzione Made in Italy di grano destinato a pasta e pane per l’impossibilità di effettuare le semine sui
terreni resi inagibili dalle condizioni atmosferiche straordinarie del periodo autunnale.

La pioggia intensa ha provocato – sottolinea la Coldiretti – un rapido ingrossamento dei fiumi con il livello idrometrico del fiume Po che a Pontelagoscuro è salito di quasi
mezzo metro passando in un giorno da – 4,13 a – 1,69 metri alle ore 18,30 del 21 gennaio

Le rilevanti precipitazioni del mese di gennaio fanno seguito – sottolinea la Coldiretti – ad un dicembre particolarmente piovoso che si è classificato al sesto posto nella
classica dei mesi di dicembre con piu’ elevate precipitazioni degli ultimi due secoli, secondo l’ Isac-Cnr,

Di conseguenza nelle campagne le semine proseguono molto lentamente sull’intero territorio nazionale poiché – precisa la Coldiretti – sono ostacolate dalle vicende
atmosferiche avverse insieme all’incertezza sulle quotazioni dei prezzi di mercato che sono dimezzati rispetto allo scorso anno.

E’ prevedibile – continua la Coldiretti – una sostanziale calo della produzione di grano Made in Italy rispetto allo scorso anno, anche se la situazione è disomogenea nelle
diverse regioni del territorio.

Rispetto allo scorso anno, in relazione al grano tenero del nord, si stima che siano stati seminati circa 2/3 dei terreni mentre per quello duro al sud Italia (Puglia, Sicilia in
particolare) siamo intorno al 70 per cento e nel Centro si raggiunge a fatica il 50 per cento con valori addirittura del 10 per cento nell’alto Lazio e in Maremma.

 

Leggi Anche
Scrivi un commento