Lotta per la vita l'imprenditore ferito nell'attentato a Gioia Tauro

Nino Princi ha passato la notte nel reparto di rianimazione degli Ospedali riuniti di Reggio Calabria dopo l’attentato mafioso di ieri mattina a Gioia Tauro. Stazionarie ma gravissime le
condizioni di salute dell’imprenditore, che ha perso l’uso della vista e al quale i medici hanno dovuto amputare gli arti per le gravi ferite.

Secondo gli inquirenti la bomba è stata azionata da un comando a distanza quando la vittima, uscita dalla sua abitazione, si è avvicinata alla propria auto. L’ordigno, costruito
da una mano esperta secondo gli inquirenti, era a basso potenziale, confezionato per uccidere Nino Princi e ricordare la forza di fuoco di cui è capace la ‘Ndrangheta.

Leggi Anche
Scrivi un commento