Lotta al dolore, la meditazione come i farmaci

Lotta al dolore, la meditazione come i farmaci

La mente comanda il corpo: quando il secondo prova dolore, essa può ridurne l’intensità, in modo simile ai farmaci analgesici.

Questa l’ipotesi di una ricerca delWake Forest Baptist Medical Center Meditation, diretta dal dottor Fadel Zeidan e pubblicata sul “Journal of Neuroscience”.

Gli scienziati hanno selezionato 15 volontari, sani ma senza esperienza di meditazione. Poi li hanno sottoposti a dolore fisico, provocato tramite sonda termica, applicata sotto la gamba destra
e portata ad una temperatura di 50°C.

Dopodiché, i soggetti hanno seguito un corso di meditazione, quattro lezione di 20 minuti l’una. Essi hanno così praticato tecniche di attenzione focalizzata, che insegnano a
concentrarsi sul respiro, controllando pensieri, emozioni e sensazioni esterne.

Infine, hanno nuovamente subito l’applicazione della sonda.

Durante tutte le fasi (sia la meditazione che il contatto con la sonda), il loro cervello era monitorato tramite risonanza magnetica ASL, capace di evidenziare attività neurale diversa
dallo standard.

In base ai dati cosi raccolti, dopo le pratiche meditative il dolore percepito diminuiva, dal’11% fino al 91%, fatto testimoniato dalla ridotta attività del raccoglitore neurale della
sofferenza, la corteccia somato-sensoriale.

Di contro, crescevano gli impulsi prodotti da cingolo anteriore, insula anteriore e corteccia fronto-orbitale.
Come fanno notare gli esperti, tali sezioni del cervello elaborano i segnali nervosi, definendo durata ed intensità del dolore percepito.

Perciò, un aumento della loro attività è collegato ad una riduzione della sensazione del dolore. A riguardo, Fadel e compagni evidenziano come la meditazione influenzi tali
regioni collettivamente: per questo, gli esperti la vedono come alternativa potenziale alle terapie standard.

FONTE: Fadel Zeidan, Katherine T. Martucci, Robert A. Kraft, Nakia S. Gordon, John G. McHaffie, and Robert C. Coghill”Brain Mechanisms Supporting the Modulation of Pain by Mindfulness
Meditation”, The Journal of Neuroscience, 6 April 2011, 31(14):5540-5548; doi:10.1523/JNEUROSCI.5791-10.2011

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento