Lo smog fa il giro del mondo

Gli scienziati dell’Università di Washington già da un decennio avevano intuito che lo smog potesse fare il giro del mondo, questa consapevolezza li ha portati a studiare il
percorso della polvere del deserto del Gobi, fino a scoprire che questa era in grado di attraversare l’Oceano Pacifico e mescolarsi con la polluzione atmosferica della costa occidentale
nordamericana.

Emily Fisher, una ricercatrice dell’università di Washington, è riuscita per la prima volta a dimostrare quello che per molti scienziati è stato per anni solo un sospetto:
le zone meno inquinate della Terra corrono il serio rischio di venire «contaminate» dalle polveri sottili dei centri metropolitani, con gravi pericoli per la salute della
popolazione mondiale e del pianeta.

Dal deserto del Gobi a Los Angeles. Per il suo studio la Fisher ha utilizzato due database, uno relativo alle tempeste desertiche nei deserti del Gobi e del Taklimakan e uno contenente
informazioni sulla qualità dell’aria della costa americana occidentale, entrambi compilati fra il 1998 e il 2006. Incrociandoli è riuscita a dimostrare che nei mesi primaverili le
polveri provenienti dalle zone più aride di Cina e Mongolia sono presenti e molto comuni nell’aria di città come Los Angeles o San Diego. I risultati delle sue osservazioni sono
stati presentati al meeting dell’American Geophysical Union di San Francisco, riscuotendo l’interesse della comunità scientifica mondiale.

Secondo lo studio, tutto questo si verificherebbe quando le tempeste desertiche sono più aggressive. In questo caso, le particelle di polvere rintracciabili a migliaia di chilometri di
distanza aumenterebbero di due volte e mezzo. E si tratta di materiale che, essendo tanto «leggero» da poter viaggiare attorno al Pianeta, è facilmente inalabile da parte
delle persone.

«Lo smog ‘locale’ – ha spiegato la scienziata – è certamente quello che più si ripercuote sulla salute delle persone. Ma i miei studi dimostrano che anche chi vive in zone
ricche di parchi o foreste può subire le conseguenze dell’inquinamento globale. Anzi, più l’aria del luogo dove si vive è pulita, più questi spostamenti di polveri
influiscono sulla qualità dell’ambiente».

Il termine smog nasce come fusione delle due parole inglesi smoke (fumo) e fog (nebbia). I principali fattori che costituiscono questo tipo di inquinamento sono il particolato, l’anidride
solforosa, l’ossido di carbonio, gli ossidi di piombo, gli ossidi di azoto, i residui della combistione del gasolio.

(21 dicembre 2007)

Leggi Anche
Scrivi un commento