L'Expo sbarca a Cremona

«Le Province del Nord Ovest verso Expo 2015» è il tema che sarà trattato il prossimo 10 luglio dalle 15 presso la sala «Guarneri
del Gesù» di CremonaFiere. L’iniziativa prevede, dopo il saluto di Antonio Piva, presidente CremonaFiere, l’intervento di Giuseppe Torchio. «L’immediata e
decisa reazione del territorio dopo l’esclusione della nostra provincia e del territorio mantovano dalla prima bozza del documento Expo» commenta Torchio, «ha permesso
di raccogliere alcuni significativi risultati: la mobilitazione dell’Unione delle Province Lombarde, delle 24 Province della fondazione Nord Ovest, la venuta a Cremona della responsabile di
Promos-Camera di Commercio di Milano, la conferma scritta del sindaco di Milano, Letizia Moratti relativa al nostro coinvolgimento, le garanzie del governatore Formigoni e, non da ultimo,
l’incontro del 10 luglio. Se non ci fossimo immediatamente attivati, dubito che lo «stato maggiore» dell’Expo sarebbe giunto nel nostro capoluogo. Abbiamo raggiunto il
primo obiettivo: ora dobbiamo lavorare per i successivi».

Dopo la relazione del presidente della Provincia di Cremona, interverranno Paolo Glisenti, segretario esecutivo del Comitato Expo 2015 e Angelo Paris, direttore tecnico del Comitato Expo che
illustreranno l’attività ed i compiti del Comitato. A seguire, ampio spazio al tema centrale dell’evento: «Nutrire il pianeta, energia per la vita: i temi di
fondo». Il professor Roberto Schmid, direttore dell’Istituto Universitario di Studi superiori di Pavia e presidente del Comitato scientifico di Expo 2015 illustrerà
quali sono gli elementi che caratterizzeranno la rassegna internazionale e l’apporto che i territori potranno assicurare. Dopo gli interventi dei presidenti delle Province (già
confermata la partecipazione di Milano con Filippo Penati, Genova con Alessandro Repetto, Piacenza con Gianluigi Boiardi, Mantova con Maurizio Fontanili) le conclusioni saranno affidate a
Antonio Saitta, presidente della Provincia di Torino e del Comitato per la Fondazione delle Province del Nord Ovest. Il work-shop sarà coordinato da Lorenzo Gaiani, direttore del
Segretariato tecnico delle Province del Nord Ovest.

«Dovremo fare un «gioco di squadra» tra Enti e Istituzioni, aziende e categorie economiche per assicurare progetti di qualità da sottoporre
al vaglio del Comitato Expo» prosegue Torchio, «abbiamo già precise idee riguardo agli acquisti verdi ed al Gpp.net di cui siamo leader, alla filiera
agroalimentare e di qualità con progetti già avviati nell’ambito del Patto per lo Sviluppo, siamo disponibili ad assicurare l’ospitalità per i visitatori,
ma vogliamo che le eccellenze del nostro territorio siano adeguatamente valorizzate, anche perché sono peculiarità esclusive che saranno protagoniste dell’evento
dedicato alla sicurezza alimentare ed al food e vogliamo approfondire insieme alle altre Province a forte caratterizzazione agroalimentare in sinergia con l’Università Cattolica e
il centro del prof. Galli a Porcellasco. Certo, nella partita degli investimenti infrastrutturali (strade, ferrovia e fiume Po) chiediamo pari dignità, affinché le
opere che troveranno realizzazione per Expo divengano poi patrimonio permanente di tutti i territori».

Leggi Anche
Scrivi un commento