Le Province toscane hanno annunciato il loro no alla riforma dei servizi pubblici

Firenze, 19 Dicembre 2007 – «Trovo sorprendente la posizione assunta dall’associazione delle Province toscane di non firmare il patto sui servizi pubblici. Per la Regione si tratta
di una decisione sbagliata, e a proposito di leale collaborazione istituzionale, mi sarei certo aspettato di conoscere le decisioni dell’Upi attraverso mezzi diversi da quelli
giornalisti».

E’ la replica dell’assessore toscano alle riforme istituzionali e al rapporto con gli enti locali, Agostino Fragai, alle dichiarazioni di oggi del presidente Lio Scheggi. La firma del patto era
prevista in questi giorni. «Che vi fosse una diversa opinione sul nuovo assetto da dare al sistema idrico era cosa conosciuta dalla Regione e da tutti i soggetti del tavolo di
concertazione generale.- spiega Fragai – In nessuna occasione però si era mai fatto riferimento alla possibilità che le Province non aderissero». «Per la Regione si
tratta di una decisione sbagliata,- sottolinea l’assessore – è una decisione che giunge assolutamente inaspettata e fondata peraltro su un giudizio, la presunta macchinosità e
mancanza di chiarezza del documento, che non corrisponde alla realtà». «Mi auguro, anche per l’importanza che il patto riveste per i cittadini toscani, – conclude l’assessore
– che vi possa essere ancora lo spazio per un chiarimento definitivo e costruttivo».

Walter Fortini

Leggi Anche
Scrivi un commento