Le bibite gassate provocano dolore (al naso e alla bocca)

Le bibite gassate provocano dolore (al naso e alla bocca)

Una bevuta dolorosa. Le bevande gassate, grazie ai loro ingredienti, possono attivare le cellule nervose di naso e bocca, provocando una sensazione ha metà tra fastidio prurito e vero
dolore.

Lo sostiene una ricerca dell’Università del Sud California, diretta dalla dottoressa Emily Liman e pubblicata su “Neuroscience”.

La squadra della dottoressa ha preso in esame cellule ricavate dalle strutture nervose di naso e bocca. Tali cellule in vitro sono state messe a contatto con bibite gassate. Si è
così notato come la soluzione gassata attivasse una cellula specifica. Tuttavia, tale cellula ospitava il gene TRPA1, agendo così da recettore del dolore per l’intero sistema.
Come spiega la Lyman, “Le cellule e le molecole all’interno di tali cellule sono responsabili della sensazione di dolore che proviamo quando beviamo una bibita gassata”.

Alla base dell’esperienza, continua la studiosa, vi è la carbonazione, il processo che origina l’effervescenza dell’anidride carbonica. Tale meccanismo provoca diverse reazioni: per
alcuni è uno sfarfallio piacevole che aggiunge gusto alla bevuta, per altri è un pizzicorio sopportabile, per altri ancora un fastidio od un dolore, simile a quello causato dai
cibi piccanti.

Per tali sfortunati “La carbonazione richiama due sensazioni distinte: rende le cose acide e fa sì che paiono bruciare. Abbiamo tutti provato la sensazione di formicolio intenso quando
le bevande gassate vanno giù per la gola troppo velocemente. Le cellule che rispondono all’anidride carbonica sono le stesse che rilevano il piccante della senape piccante” conclude la
capo ricercatrice.

FONTE: “Carbonated Drinks Affect Pain Sensors In Nasal Cavity”, Neuroscience News

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento