Il Tai Chi riduce dolori e sintomi della fibromialgia

Il Tai Chi riduce dolori e sintomi della fibromialgia

Il Tai Chi viene in soccorso dei malati di fibromialgia riducendo il dolore e combattendo gli altri sintomi negativi.

L’avviso proviene da una ricerca del Tufts Medical Center (di Boston USA), diretta dal dottor Chenchen Wang e pubblcata sul “New England Journal of Medicine”.

Gli studiosi hanno iniziato il lavoro con l’obiettivo di combattere concretamente la fibromialgia. Ad oggi, non esistono infatti cure definitive: le terapie sono limitate alla somministrazione
di farmaci e alla psicologia. Tuttavia, i sintomi come dolore disturbi del sonno, depressione, affaticamento eccessivo, stanchezza generale rimangono.

Allora, il Tai Chi è stato preso in esame tramite esperimento. A tale scopo sono stati reclutati 66 volontari, tutti affetti da fibromialgia, poi divisi in due gruppi di 33 persone. Il
primo gruppo ha ricevuto un programma di lezioni di Tai Chi, il secondo solo stretching.

Per valutare eventuali effetti, Wang e colleghi hanno usato una scala da 0 a 100: più il punteggio si riduceva, più il dolore ed il fastidio era minore.

In questo modo, è emerso come il primo gruppo (quello del Tai Chi) avesse visto una riduzione di 27,8 punti contro i soli 9,4 del gruppo che praticava stretching. Inoltre, i praticanti
di Tai Chi avevano diminuito le cure standard (i farmaci) in seguito ad un calo di dolori, sintomi depressivi e per l’aumento della qualità del sonno.

Commentando i risultati, Wang sostiene che il Tai Chi possa provocare sia una sorta di effetto placebo, unito alla capacità della disciplina di migliorare il funzionamento e la
rilassatezza dei muscoli.

Tuttavia, conclude il ricercatore, i dati sono ancora insufficienti per affermare con sicurezza l’esistenza di un legame positivo tra la disciplina e la malattia. Quindi, sono necessarie
ricerche ed esami più elaborati.

Fonte: Chenchen Wang, Christopher, Ramel Rones, B.S., Robert Kalish., Janeth Yinh, Don L. Goldenberg, Yoojin Lee, and Timothy McAlindon, “A Randomized Trial of Tai Chi for Fibromyalgia”,
N Engl J Med August 19, 2010  2010; 363:743-754

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento