Lazio: uno su cinque è povero

Roma – L’incidenza della povertà relativa nel Lazio è pari al 21,8%. Colpisce dunque una famiglia su cinque, con punte fino al 42% delle famiglie numerose, questo
dato riassume in modo emblematico i risultati dell’indagine “Povertà e indebitamento delle famiglie nel Lazio”, realizzata dai ricercatori dell’Evaluation Research Group (ERG)
dell’Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione (ISTC) del Consiglio Nazionale delle Ricerche, su incarico dell’Assessorato alla Tutela dei consumatori e semplificazione amministrativa
della Regione Lazio.

I dati appaiono ancor più eclatanti se si considerano quelli dell’Istat relativi al 2006, secondo cui l’incidenza della povertà è pari al 7% nel Lazio e all’11.1% sul
territorio nazionale. La rilevazione del CNR, effettuata tra aprile e giugno 2007 su un campione di 2000 soggetti, indica dunque un’incidenza tripla nella Regione, a distanza di un anno circa,
e doppia rispetto a quella nazionale.

“Non è possibile un confronto diretto tra le due misurazioni per lo scarto temporale e la differenze nelle metodologie utilizzate”, avverte Antonella Rissotto dell’ISTC-CNR. “L’Istat,
infatti, stima la povertà relativa sulla base della spesa familiare, mentre nel nostro studio le soglie sono calcolate a partire dal reddito dichiarato dalle persone intervistate”.

La situazione appare ancor più drammatica se si passa alla povertà soggettiva; dall’indagine dell’ISTC-CNR emerge che questa ha un’incidenza complessiva nel Lazio pari al 54.3%,
con una percentuale del 66% tra i single. La percentuale di residenti nella regione che si sentono poveri decresce progressivamente passando dalle famiglie formate da due componenti (51,7%), a
quelle con tre componenti (51,9%), tocca il valore minimo in quelle formate da quattro componenti (47,1%) e aumenta nuovamente in quelle con 5 o più componenti (59,7%). Sono dunque
soggettivamente poveri, ancorché non lo siano oggettivamente, il 34,5% dei cittadini laziali, ben uno su tre, mentre uno su cinque (il 19,8%) lo è sia oggettivamente sia
soggettivamente. “Tra questi ‘consapevolmente’ poveri prevalgono la popolazione femminile (65,8%) e i soggetti tra i 45-54 anni, le persone non occupate, con bassi livelli di scolarità,
che non posseggono una casa di proprietà, che ritengono la situazione economica peggiorata negli ultimi 12 mesi”, osserva Angelita Castellani dell’ISTC-CNR, “e hanno una visione
pessimistica del futuro”.

Anche il gruppo di chi in base al reddito non verrebbe classificato povero, ma si percepisce tale, coinvolge in particolare le donne (57.3%), le persone con titolo di studio medio basso, i
lavoratori atipici e coloro che non possiedono una casa di proprietà. Tra gli altri dati di maggiore interesse è da segnalare che nel Lazio il reddito medio ammonta a 1038,09
euro; quello degli uomini è in media 1288,67, quello delle donne in media è 809,09 euro. I lavoratori indipendenti dispongono del reddito medio maggiore (1872,67 euro).

Il 66,6% del campione possiede una casa di proprietà; il 25,5% vive in affitto. Mutuo e affitto incidono rispettivamente per il 30% e il 33% del reddito familiare disponibile. Negli
ultimi 12 mesi ha fatto richiesta di credito con esito positivo il 15,7% del campione; il 2,6% ha visto respinta la richiesta. Il credito viene concesso in misura maggiore alle famiglie
collocate al di sopra della soglia di povertà (83,3%). Un altro dato interessante è che i giovani dai 18 ai 24 anni si rivolgono in misura maggiore degli altri ad amici per
ottenere sostegno di tipo economico.

“Le difficoltà e le problematiche che le famiglie devono affrontare non fanno riferimento alla sola dimensione economica”, conclude Antonella Rissotto. “Dalla ricerca emerge che gli
individui si confrontano soprattutto con problematiche lavorative (31,2%), con la gestione delle spese correnti (29,6%), con l’accesso ai servizi sanitari e sociali (11,3%), con problematiche
abitative (6,1%), e infine con il debito (4,8%)”. Solo il 10,4% degli intervistati dichiara di non avere nessun tipo di preoccupazione.

Leggi Anche
Scrivi un commento