Lavoro Abruzzo, Bianchi: «Il sito Finmek deve restare industriale»

L’Aquila – Istituzioni, sindacati e Nucleo industriale lavoreranno congiuntamente per far sì che il sito di Sulmona della Finmek mantenga la vocazione industriale, lo
hanno ribadito, stamane, a palazzo Centi, all’Aquila, le parti convocate dall’assessore regionale alle Attività produttive, Valentina Bianchi, per far luce sulle indiscrezioni degli
ultimi giorni secondo le quali la Konor, azienda neo proprietaria del sito, intenderebbe realizzare un grosso centro commerciale con annesse attività ricettive e ricreative.

Presenti all’incontro, oltre alla Bianchi, il direttore regionale alle Attività produttive, Alfredo Moroni, gli assessori provinciali Teresa Nannarone (Politiche sociali) ed Ermanno
Giorgi (Lavoro), il presidente del Consorzio industriale di Sulmona, Silvana D’Alessandro, il commissario straordinario al Comune di Sulmona, Rossana Crisi, ed i sindacalisti Alfredo Fegatelli
(Fiom Cgil), Dante Carrabbia (Fim Cisl), Roberto Di Pardo e Michele Paliani (Uilm Uil) e William Rosettini (Ugil). ‘Al momento – hanno detto i convenuti – c’è di concreto solo una
domanda presentata lo scorso 9 agosto allo Sportello unico per le imprese in cui la Konor avanzava richiesta di ristrutturazione e cambiamento di destinazione d’uso dell’ex opificio della
Finmek. Tutti noi, invece, ribadiamo che non ci sono assolutamente le condizioni per trasformare un sito industriale in un sito commerciale’. E per rafforzare questo convincimento sarà
convocata un’apposita assemblea per giovedì prossimo, alle 9,30, presso lo stabilimento peligno. Regione Abruzzo, Provincia dell’Aquila e Comune di Sulmona hanno confermato la
volontà politica di frenare gli esodi e di favorire nuovi insediamenti nella Valle peligna. Ma tutto rispettando la natura industriale della zona.

Pensare alla realizzazione dell’ennesimo centro commerciale ‘è decisamente improponibile’. Dubbi sono stati espressi sulla regolarità dei procedimenti seguiti dalla Konor ‘che –
ha ricordato l’assessore Bianchi – avrebbe dovuto fare la richiesta al Consorzio industriale di Sulmona che, a sua volta, avrebbe inviato con proprio parere la pratica al Comune. Regione e
Provincia, avrebbero poi fornito giudizi di merito’. ‘Ma il Consorzio è estraneo a questi nuovi sviluppi – ha replicato la D’Alessandro – Noi sappiamo solo quello che è stato
pubblicato dai giornali’. Insomma, c’è l’intenzione di fare chiarezza sulla vicenda anche se la Regione, per voce dell’assessore Bianchi valuta ‘non opportuna la richiesta di variazione
di destinazione d’uso dello stabilimento Finmek di Sulmona’. ‘Del resto – ha motivato ancora la Bianchi – l’amministrazione regionale ha destinato appositi fondi, 5 milioni per la Valle peligna
ed un milione per Sulmona, per sostenere l’industrializzazione dell’area. La legge sul commercio ha posto precisi limiti allo sviluppo di centri commerciali. E, ancora, punta sull’occupazione
del comparto industriale tutto il discorso aperto a livello nazionale per la vertenza-Abruzzo’. Nell’immediato, il Consorzio industriale di Sulmona chiederà formalmente alla Konor di
rispettare gli impegni iniziali che poi erano semplicemente quelli di rilevare la Finmek destinando lo stabilimento a nuova produzione industriale.

Leggi Anche
Scrivi un commento