L'Ato fissa la tariffa del servizio idrico integrato per il 2008.

L’Assemblea dei Sindaci dell’Ato ha deciso la tariffa del servizio idrico intergrato per l’anno 2008, così come prevista dalla pianificazione di piano d’ambito oltre ad una
variazione in aumento pari all’1,5% a titolo di compensazione delle minori entrate derivanti dai minori volumi d’acqua fatturati previsti.

La crescita complessiva è dunque del 6,05%, comprensiva dell’inflazione.

L’adeguamento delle tariffe autorizzato decorre dal 1 gennaio 2008 ed è incluso nella prima fatturazione prevista, successiva alla decisione assunta.

Occorre tener conto che la legislazione nazionale in merito alla regolazione dei costi per l’utente dispone la corrispondenza tra l’incasso derivante dall’applicazione della struttura
tariffaria e quello previsto per effetto della tariffa media stabilita..

Il trend dell’ultimo triennio ha registrato volumi d’acqua fatturata inferiori a quelli ipotizzati sui quali è calcolata la copertura dei costi di gestione e di investimento
necessari per il funzionamento del servizio idrico. Con questa tariffa sono previsti 11 milioni di euro di investimenti per l’anno 2008.

La cifra media vigente, deliberata per il 2007, era pari ad euro 1,485. Salirà ad euro 1,575. Ciò significa che l’aumento previsto per famiglia, in base alle stime di
consumo medio pari a 142 metri cubi stilate dall’Istat, sarà di 11,8 euro all’anno nel bacino di Rimini.

Leggi Anche
Scrivi un commento