CANDIOLO: COSTITUITA LA FONDAZIONE DEL PIEMONTE PER L'ONCOLOGIA

Franzo Grande Stevens sarà il presidente del consiglio di amministrazione della Fondazione del Piemonte per l’oncologia, l’ente di diritto privato formato dalla Regione Piemonte e
dalla Fondazione Piemontese per la ricerca sul cancro per portare a termine l’iter di riconoscimento a IRCCS (istituto di ricovero e cura a carattere scientifico) del Centro di Candiolo e, una
volta avvenuta la trasformazione, per gestirne le attività.

L’atto costitutivo della Fondazione, con la nomina dei relativi organi direttivi, è stato firmato questo pomeriggio dalla presidente della Regione, Mercedes Bresso, e della
presidente della Fondazione Piemontese per la ricerca sul cancro, Allegra Agnelli.

Accanto a Franzo Grande Stevens, sono stati designati membri del consiglio di amministrazione Loredana Cappelli, Giorgio Donna e Gian Luca Sannazzari per la Regione, accanto a Fabrizio Mosca,
Giampiero Gabotto e Paolo Ottone Migliavacca, indicati dalla Fondazione Piemontese per la ricerca sul cancro.

Direttore scientifico sarà Paolo Maria Comoglio, mentre il collegio sindacale sarà composto da Aldo Milanese, Mauro Fadde e Gianluca Ferrero.

«Sono soddisfatta di avere concluso l’iter amministrativo – spiega la presidente della regione Piemonte, Mercedes Bresso – e portato a compimento l’operazione che ci consente di
chiedere formalmente l’istituzione dell’Istituto di Ricerca e Cura a Carattere scientifico, il primo istituto di questo genere in Piemonte. Ringrazio anche il Consiglio regionale che ha
approvato la legge e consentito di arrivare a questo splendido risultato».

Parole di grande soddisfazione anche da parte di Allegra Agnelli: «Sono felice di avere concluso questo percorso per dare stabilità alla Fondazione e rispettare le
istanze e la «missione» a cui l’hanno spinta i moltissimi cittadini che l’hanno sostenuta in questi anni. Voglio rivolgere un ringraziamento particolare alla
presidente Bresso che ha perfettamente compreso e interpretato il ruolo della Fondazione e dell’Istituto di Candolo, quindi l’importanza di questa struttura per l’intera
comunità».

Leggi Anche
Scrivi un commento