Lancio di un nuovo sito web scientifico rivolto ai bambini

Nel corso della recente iniziativa «Notte europea dei ricercatori 2007» è stato lanciato un nuovo sito web che mira a soddisfare le curiosità dei bambini in materia di
scienza.

Il sito web, sviluppato dal progetto European Children’s Future University Network (ECFUN, rete universitaria futura dei bambini europei), finanziato dall’UE, intende rispondere alle domande
dei bambini attraverso fatti scientifici, sperando allo stesso tempo di incoraggiarli a scegliere la scienza come materia di studio e, più tardi, come carriera. Un altro obiettivo del
sito è eliminare le più comuni idee sbagliate sulla scienza e gli scienziati, tra cui i pregiudizi stereotipati basati sul genere.

L’apprendimento scientifico e le carriere scientifiche sono divertenti: questo è il messaggio principale che il sito intende trasmettere, attraverso una sala conferenze virtuale nella
quale numerose conferenze scritte dagli scienziati rispondono alle più frequenti domande dei bambini, tra cui per esempio, come funziona il corpo umano e perché il cielo notturno
è nero.

Esistono già altri siti scientifici rivolti ai bambini, dai quali però il progetto dell’ECFUN si differenzia perché presenta una breve biografia contenente informazioni
personali fornite dagli scienziati stessi. Attraverso il breve CV arricchito dalla foto dello scienziato, i bambini possono scoprire alcuni aspetti della sua formazione.

Un altro elemento interessante del sito è la sala riunioni, o forum, nella quale i bambini hanno l’opportunità di entrare in contatto con gli scienziati e con altri bambini con
interessi simili in tutta Europa.

Infine, è opportuno segnalare che tutte le informazioni sono fornite in sei lingue europee: inglese, maltese, polacco, slovacco, svedese e tedesco. Ciò offre agli insegnanti la
possibilità di utilizzare i materiali per lezioni bilingue e multilingue e di insegnare una lingua per mezzo della scienza.

Il progetto ECFUN è un’azione di sostegno specifico finanziata dalla Commissione europea nell’ambito dell’area tematica «Scienza e società» del Sesto programma quadro
(6°PQ).

Leggi Anche
Scrivi un commento