La salsa guacamole: un insidia per stomaco ed intestino?

La salsa guacamole: un insidia per stomaco ed intestino?

La salsa guacamole è una delle punte di diamante della cucina messicana. Il preparato, a base di avocado, pomodoro e coriandolo, attira numerosi consumatori con il suo sapore, deciso e
piccante.

Tuttavia, la salsa guacamole può causare effetti sgraditi, fino a danneggiare stomaco ed intestino.

L’avviso proviene da una ricerca dei CDC e dell’Oak Ridge Institute for Science and Education, (nel Tennessee) diretta da Magdalena Kendall e presentata all’International Conference on Emerging
Infectious Diseases, ad Atlanta.

Per la Kendall, il problema è nelle modalità di preparazione, specie di ristoranti e grandi negozi di alimentari. In tali esercizi, raramente vengono prese le giuste precauzioni
d’igiene. Per questo, la salsa diventa terreno ideale per batteri ed altri agenti patogeni.

Inoltre, spesso gli ingredienti non sono affidabili di per sé. La salsa “Contiene pezzi di prodotti crudi come il peperoncino, il pomodoro e il coriandolo, ciascuno dei quali è
stato collegato all’insorgenza di diversi disturbi gastrointestinali”, spiega la studiosa.

Infine, i produttori tendono a creare la salsa in grandi quantità e questo favorisce la diffusione dei batteri.

Tuttavia, questo non significa che i buongustai debbano dire addio alla salsa.

La Kendal sostiene infatti che basta prepararla da sé con ingredienti freschi o, in alternativa, acquistarla da negozianti o produttori di fiducia. E, nel caso, conservarla in
frigorifero.

Fonte: “Salsa and Guacamole Increasingly Important Causes of Foodborne Disease”, CDC Newsroom Press Release, 12/07/010

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento