KLF14: colpendo il gene leader, si combattono obesità e diabete

KLF14: colpendo il gene leader, si combattono obesità e diabete

KLF14 è un gene che controlla diversi geni, a loro volta interruttori di funzioni metaboliche. Agendo su tale gene con terapie mirate si provocherebbe perciò un effetto a cascata,
utile contro diabete ed obesità.

Questa la tesi che conclude una ricerca del King’s College (di Londra, Gran Bretagna), diretta dal professor Tim Spector e pubblicata su “Nature Genetics”.

Gli studiosi sono stati incuriositi da indagini precedenti, che indicavano nel gene KLF14 uno dei responsabili della comparso del diabete di tipo 2 e di alti livelli di colesterolo.

Per approfondire l’argomento, Spector e compagni hanno impostato un’osservazione a più fasi.

Inizialmente, i ricercatori hanno esaminato i geni ricavati dal DNA di 800 volontarie, gemelli di sesso femminile residenti in Gran Bretagna. Successivamente, i risultati sono stati verificati
analizzando il patrimonio genetico di 600 islandesi.

Sì è così concluso come KLF14 sia la pietra di volta di una costruzione di geni, tutti associati a funzioni metaboliche come indice di massa corporea, colesterolo ed
insulina.  Perciò, ipotizza il team britannico, un’azione mirata su di esso muterebbe attività e comportamento dei subordinati, potenziando prevenzione od eliminazione di
obesità e diabete.

Soddisfatto il professor Spector, secondo cui “Questo dimostra come le piccole variazioni di un ‘gene regolatore’ possano provocare una cascata di effetti metabolici ad opera degli altri
geni” allora, “La scoperta ha un grande potenziale terapeutico”.

FONTE: Mark Mc Carthy, Tim Spector et al. “Identification of an imprinted master trans regulator at the KLF14 locus related to multiple metabolic phenotypes”, Nature Genetics (15 May
2011) doi:10.1038/ng.833 Letter, doi:10.1038/ng.833

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento