Intervista al Dott Michele Marino Presidente ASSTRAI

Intervista al Dott Michele Marino Presidente ASSTRAI

Oggi intervistiamo il dottor Michele Marino, Presidente dell’ASSTRAI, associazione per la salvaguardia e lo sviluppo del Tevere, Trasimeno e acque interne.

R. Sì, presiedo l’ASSTRAI dal 2006 in seguito alla tragica scomparsa del Professor Marinello Marinelli, nostro fondatore emerito e presidente per circa un trentennio.

D. Addirittura un’associazione ambientalista nata oltre trent’anni fa?

R. Esattamente nel 1976 a San Feliciano sul Trasimeno (paese nativo del prof. Marinelli), con l’originario acronimo ASSTRA cioè tutela e sviluppo del lago Trasimeno. Nel 1982,
anno in cui mi trasferivo stabilmente a Roma, anche l’associazione acquisiva la propria sede legale a Roma, cambiando la ragione sociale in ASSTRAI.

D. Mi dica qualcosa del vostro rapporto con le istituzioni

R. L’ASSTRAI ha avuto sempre un corretto e costruttivo rapporto con ogni istituzione, pubblica o privata che sia, curando particolarmente le relazioni con enti locali e regioni di
maggior interesse, ma conservando la propria autonomia rispetto ai partiti politici ed in genere nel variegato mondo del sociale.

D. Il G8 si è concluso da pochi giorni: il suo giudizio?

R. Sotto il profilo ambientale è parzialmente positivo, grazie soprattutto alla nuova politica statunitense del Presidente ecologista Obama, che risulta – come noi – da sempre
sensibile sostenitore dell’uso delle energie rinnovabili pulite, specialmente l’eolica, nonché molto attento ai problemi climatici del cosmo.

Sul fronte italiano saremo vigili osservatori dei programmi e quindi dell’operato, per ora meramente dichiarati dal Ministro Stefania Prestigiacomo.

D. Scendendo dal livello planetario a quello geo-politico locale o nazionale, ci parli del Tevere e della capitale.

R. Ultimamente abbiamo avuto incontri, pubblici e non, con l’Autorità di Bacino, nella persona dell’ingegner Cesari, Segretario generale, con cui abbiamo condiviso
l’individuazione di una linea di priorità da perseguire in modo sinergico al fine di sollevare l’interesse e la determinazione delle autorità politiche e degli enti preposti alla
tutela, valorizzazione e allo sviluppo eco-compatibile della valle tiberina ed anche del lago Trasimeno.

Su Roma..non si sa mai da dove cominciare, vista la complessità, onerosità e vastità delle problematiche. Ma abbiamo intanto registrato una valida disponibilità del
Vice Sindaco, sen. Cutrufo.

Certo è, comunque, che l’approccio dev’essere innovativo, coerente e rigoroso, nel senso che quanto fatto dall’Amministrazione uscente non è sufficiente, ma talvolta va proseguito
come nel caso delle piste ciclabili o del trasporto pubblico.

Si deve intervenire rapidamente ed energicamente per ridurre il tasso di inquinamento atmosferico (maggiore controllo sui mezzi inquinanti, semafori intelligenti, contenimento al massimo delle
manifestazioni di protesta nel centro storico..) ed acustico (divieto assoluto, sanzionato pesantemente, di circolazione a  tutti i veicoli rumorosi in centro storico ed in quartieri ad
alta intensità abitativa).

D. Ultima : l’ASSTRAI è un’associazione nazionale di protezione ambientale. Quali sono le iniziative in programma?

R. Entro il mese di luglio definiremo il programma autunno-inverno-primavera. Posso annunciare alcune manifestazioni: a Roma TEVEREMO, evento per promuovere l’immagine turistica e
rilanciare l’importanza storica del fiume capitolino e  la FESTA DELLA CASTAGNA E DEL VINO NOVELLO, GIUNTA ALLA TREDICESIMA EDIZIONE. In Puglia un convegno sul Parco naturale del fiume
Ofanto e in val d’Aosta la FESTA DEL LUPO VALDOSTANO.

Certamente sarà fissata, quanto prima, la data della CONFERENZA NAZIONALE DI PRESENTAZIONE (con ogni probabilità presso la Camera dei DEPUTATI) che avrà luogo entro
quest’anno.

 

Redazione Newsfood.com

Leggi Anche
Scrivi un commento