Internet: La confusione domina tra censura e libertà d’espressione

Internet: La confusione domina tra censura e libertà d’espressione

Internet, liberta’ di espressione e censura: che confusione! Tra leggi che ci sono e non vengono applicate, leggi che non ci sono, giudici informati e quelli non informati, persone che ne
approfittano per mascherare i loro affari.

Lo scorso 11 gennaio un giudice del Tribunale di Firenze ci ha condannato ad impedire che sui nostri forum si villaneggino i responsabili di presunti illeciti o truffe (1). Una decisione non
decisione l’abbiamo definita, perche’ anziche’ indicare cosa il giudice ritiene lesivo, e quindi da rimuovere, rimette la palla in gioco demandando questo compito a noi, che lo faremo
-ovviamente- secondo le nostre logiche. Di conseguenza chi ci ha chiamato in causa che chiedeva l’oscuramento totale del forum caso per caso valutera’ se sentirsi soddisfatto o richiamarci in
giudizio. Quindi. Sulla liberta’ di espressione ed Internet, il Tribunale ha aperto ad una confluittualita’ permanente tra difensori e detrattori.

Questa sentenza arriva dopo una dello scorso ottobre dove, invece, un giudice sempre del Tribunale di Firenze, in nome dell’inesistenza del diritto all’anonimato, ci aveva fatto chiudere un
intero forum (2) (abbiamo l’appello fra qualche settimana).

Di recente, dopo l’aggressione al capo del Governo, si e’ scatenata una volonta’ di censura su Internet perche’ alcuni avevano inneggiato in Rete a questa violenza (3). Poi tutto si e’ risolto
con qualche raccomandazione.
Lo scorso marzo siamo dovuti arrivare in Cassazione per farci sentenziare contro la nostra pretesa che un sito Internet potesse essere considerato, nell’ambito delle responsabilita’ civili e
penali, come un giornale e quindi soggetto alle leggi sulla stampa (4).

A luglio del 2008 il Tribunale di Catania ci aveva dato ragione contro chi aveva chiesto di censurare i nostri forum in cui alcuni esprimevano con bestemmie le loro opinioni (5).

A settembre del 2007 il Tribunale di Bari ci diede ragione e nego’ la richiesta di oscuramento di un nostro forum riconducendo la partecipazione allo stesso come lecita manifestazione dei diritti
di liberta’ di espressione e di critica (6).

A luglio del 2007, invece, il Tribunale di Palermo ci ha condannati a censurare una lettera pubblicata sul nostro sito che si lamentava -in modo civico- del non-rispetto di un preventivo di
un’azienda che, tra l’altro, si era rifiutata di replicare sul nostro sito a queste rimostranze (7).

Sempre a luglio 2007, il Tribunale di Padova dichiaro’ illegittimo l’oscuramento delle pagine del nostro sito web che contenevano riferimenti con accezione negativa ad una agenzia viaggi, e
affermo’ il nostro diritto alla libera manifestazione del pensiero (8).

Nel giugno 2007, la polizia postale di Firenze venne nella nostra sede a sequestrare, in ottemperanza ad un’ordinanza di un giudice del Tribunale di Este-Padova che avevamo gia’ onorato (quindi
viaggio inutile), alcune lettere pubblicate sul sito in cui si parlava negativamente dell’agenzia di viaggi di cui sopra. Censura dovuta -a detta del giudice- perche’ essendo in corso una causa
di questa agenzia con altri, non era bene che altrove si parlasse di loro (9).

Per ora ci fermiamo qui. Crediamo di aver reso la drammaticita’ della situazione:

  • che stiamo affrontando di petto e con idee e pratiche determinate;
  • che documentiamo nel nostro sito in un settore specifico contro la censura (10);
  • che non ha momenti di sosta e di abbassamento della guardia: mentre scriviamo ci sono altre novita’ per nuovi e piu’ acerrimi confronti/scontri in tribunale.

Una sola, per ora, e’ la certezza, quella che abbiamo scritto nel titolo di questo editoriale: Internet, liberta’ di espressione e censura: che confusione! Tra leggi che ci sono e non
vengono applicate, leggi che non ci sono, giudici informati e quelli non informati, persone che ne approfittano per mascherare i loro affari.
Manca, cioe’, la certezza dei diritti e delle pene su una materia che, mediamente, si crede di poter disciplinare con leggi pensate e approvate anche prima di quando Internet era vago argomento
dei film di fantascienza in bianco e nero.

  1. espressione internet tribunale firenze apre_16930.php
  2. internet oscurato forum aduc fabio oreste_16614.php
  3. internet cosa fare piu visto che leggi_16817.php
  4. censura cassazione legittima oggi_15355.php
  5. illegittimo censurare bestemmie_13999.php
  6. aduc tribunale bari no all oscuramento_12523.php
  7. espressione aduc condannata dal tribunale_12279.php
  8. all informazione illegittima censura_12254.php
  9. travel nominarne nome invano tanto paga_12074.php
  10. https://avvertenze.aduc.it/censura/

Vincenzo Donvito, presidente Aduc – Redazione Newsfood.com WebTV
info@newsfood.com

Leggi Anche
Scrivi un commento