Influenza A e gravidanza: se si ammala la madre, rischia anche il bambino

Influenza A e gravidanza: se si ammala la madre, rischia anche il bambino

Se una donna incinta viene contagiata dall’influenza A, il bambino corre dei pesanti rischi di salute, dal potenziale infarto ad un minor sviluppo del cervello.

A dirlo, uno studio del dottor Caleb Finch, dell’Università di Los Angeles, pubblicato dal “Journal of Developmental Origins of Health and Disease”.

Il medico sottolinea come già nelle pandemia del passato i piccoli che si trovavano nell’utero materno al momento del contagio della madre mostravano gravi difetti di salute.
I bambini di contagiate dall’influenza spagnola, ad esempio, svilupparono una predisposizione all’infarto maggiore del 23% rispetto alla media ed un intelligenza più limitata. Infine, i
nati da donne colpite da virus influenzale (quindi anche il virus H1N1) hanno un maggiore vulnerabilità alla schizofrenia.

Il dottor Finch, che nel corso della ricerca ha esaminato gran parte della letteratura medica, sull’argomento ritiene che a causare le malformazioni ed i danni siano le citochine, le sostanze
proinfiammatorie che l’influenza mette in circolo nel corpo delle pazienti.

Intanto, negli Stati Uniti continua il dibattito sul rapporto costi-benefici per il vaccino in gravidanza.

Allo stato attuale il partito del si, è in netto vantaggio; i suoi membri  (tra qui si schiera Finch) fanno notare come ad oggi negli Usa 100 donne incinte colpite dall’influenza
suina siano state ricoverate in terapia intensiva, con 28 poi decedute.
La dottoressa Anne Schuchat, responsabile del centro malattie respiratorie del Cdc (Center for Desease Control and Prevention) di Atlanta ha parlato di “Dati preoccupanti”. Per questo, la
dottoressa Schulat raccomanda alle future madri di effettuare la vaccinazione prima possibile

Matteo Clerici

Leggi Anche
Scrivi un commento