Inail: Vittime del lavoro, ancora disatteso il collocamento obbligatorio dei familiari

 

Il presidente del CIV INAIL Giovanni Guerisoli ha sollecitato il ministero della Funzione Pubblica a emanare una circolare per rendere applicativo quanto previsto dalla Finanziaria
2008 a favore degli orfani o del coniuge di chi ha perso la vita a seguito di un infortunio

Roma – Applicare le norme sul collocamento obbligatorio ai superstiti delle vittime sul lavoro. Il presidente del CIV INAIL, Giovanni Guerisoli, sollecita il ministero della
Funzione Pubblica a indirizzare a tutte le pubbliche amministrazione una circolare applicativa che renda attuativo il comma 123 dell’articolo 3 della Finanziaria 2008, là dove si
prevede l’estensione delle disposizioni relative al diritto al collocamento obbligatorio previste in favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata
(legge n. 407/1988 art. 1 comma 2), anche “agli orfani o, in alternativa, al coniuge superstite di coloro che siano morti per fatto di lavoro, ovvero siano deceduti a causa
dell’aggravarsi delle mutilazioni o infermità che hanno dato luogo a trattamento di rendita da infortunio sul lavoro”.

“E’ assolutamente prioritario che ci si occupi di sicurezza e di ogni altra tematica ad essa collegata soprattutto a riflettori spenti su quegli eventi drammatici che apparentemente
sembrano aver concesso una tregua estiva”, afferma Guerisoli. “In questa direzione le forze politiche e le Parti sociali insieme devono continuare a dare segnali di forte
attenzione a tali problematiche offrendo ciascuno il proprio personale contributo al fine di rendere efficace e tempestiva l’attuazione della norma citata”. In tal senso il Civ si
è attivato attraverso i Comitati consultivi provinciali e i coordinamenti regionali, conclude Guerisoli, “per monitorare a livello territoriale le posizioni degli aventi diritto
e stabilire un coordinamento a livello centrale con le strutture INAIL e le istituzioni pubbliche preposte, garantendo ai familiari delle vittime sul lavoro vicinanza e attenzione”.

Leggi Anche
Scrivi un commento