Inail: a Torino firmato l’accordo per la sicurezza in agricoltura

 

Torino – Il 1 agosto è stato firmato a Torino un protocollo per la sicurezza nei luoghi di lavoro in agricoltura. L’accordo è stato sottoscritto dal Prefetto di
Torino Paolo Padoin, in rappresentanza del Gruppo di lavoro per la sicurezza in agricoltura istituito presso la Prefettura, con il Comitato Paritetico per la Sicurezza e salute sul
luogo di lavoro (Cpsl) di Torino. “Questa intesa favorirà la condivisione delle informazioni riguardanti il lavoro agricolo” ha dichiarato Onofrio di Gennaro, direttore regionale
vicario dell’INAIL Piemonte “e nello stesso tempo servirà a promuovere la cultura della sicurezza in un settore particolarmente esposto”.

Il protocollo prevede infatti che il comitato paritetico (Cpsl) fornisca al Gruppo di lavoro i dati sulla tipologia degli infortuni, sulle misure di sicurezza applicate, e sulla
presenza e le attività del medico competente. Verrà realizzato, inoltre, un elenco annuale delle caratteristiche produttive (produzioni, lavorazioni, etc.) maggiormente
legate all’insorgenza di infortuni e malattie professionali.

Attraverso il coinvolgimento dei rappresentanti dei lavoratori, verranno poi sviluppate azioni per migliorare la consapevolezza e la cultura della sicurezza presso datori di lavoro e
lavoratori e si provvederà alla distribuzione di materiale informativo, anche in lingua straniera, agli operai coinvolti. È prevista, inoltre, l’analisi degli infortuni
verificatesi in alcune aziende e la stesura di indicazioni riguardanti le procedure di sicurezza da adottare.

Il Gruppo di lavoro, di cui fanno parte i rappresentanti dell’INAIL, ha ritenuto utile l’avvio di questa formula operativa per gli ottimi rapporti sperimentati dal Cpsl con le aziende
agricole. Il Comitato opera abitualmente con i rappresentati dei lavoratori per la sicurezza a livello territoriale (Rlst), per la diffusione della cultura della sicurezza nei luoghi di
lavoro e la conoscenza e il rispetto della normativa vigente.

Leggi Anche
Scrivi un commento