Il raffreddore si attacca al tram. Sui mezzi, rischio di contagio sei volte maggiore

Il raffreddore si attacca al tram. Sui mezzi, rischio di contagio sei volte maggiore

Chi viaggia con autobus e tram aiuta la salute del pianeta, ma mette alla prova la propria. Sui mezzi pubblici il rischio di raffreddore ed altre infezioni respiratorie è infatti 6 volte
più probabile.

Questa la conclusione di una ricerca dell’Università di Nottingham (Gran Bretagna), diretta dal dottor Jonathan VanTam e pubblicata su “BMC Infectious Diseases”. La ricerca è
stata finanziata dalla Health Protection Agency.

Gli studiosi diretti dal dottor Van Tam hanno preso in esame 138 volontari: soggetti che nel periodo dicembre 2008-gennaio 2009 avevano svolto controlli dal medico di famiglia. In base alla
cartella clinica, più del 50% mostrava i sintomi dell’influenza stagionale, mentre gli altri si erano semplicemente sottoposti ad una visita di routine. Allora, i volontari hanno
ricevuto un questionario con domande sull’uso dei mezzi pubblici, nei cinque giorni precedenti l’arrivo del malanno o precedenti la visita.

In base alle risposte, gli esperti hanno concluso come i frequentatori di mezzi pubblici corressero un rischio 6 volte maggiore di essere colpiti da malattie da raffreddamento.

Tuttavia, spiega il dottor Van Tam, bisogna fare alcune precisazioni.

Per cominciare, i viaggiatori occasionali sono più vulnerabili. Chi viaggia spesso è più esposto e sviluppa una maggiore resistenza di sistema immunitario ed anticorpi.
Inoltre, è possibile difendersi dal contagio lavandosi spesso le mani e starnutendo all’interno del gomito.

FONTE: Joy Troko, Puja Myles, Jack Gibson, Ahmed Hashim, Joanne Enstone, Susan Kingdon, Chris Packham, Shahid Amin, Andrew Hayward, Jonathan Nguyen-Van-Tam, “Is public transport a risk
factor for acute respiratory infection?”, BMC Infectious Diseases 2011, 11:16 (14 January 2011), doi:10.1186/1471-2334-11-16

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

Leggi Anche
Scrivi un commento