Il Prof. Tirelli: “Inaccettabili le dichiarazioni di Vanoli (M5S) su cancro, urinoterapia, aids e vaccinazioni”

Il Prof. Tirelli: “Inaccettabili le dichiarazioni di Vanoli (M5S) su cancro, urinoterapia, aids e vaccinazioni”

“Le dichiarazioni del sig. Gian Paolo Vanoli, che si spaccia come esperto di sanità per conto del movimento 5 stelle, rilasciate ai media riguardo terapie del cancro, urinoterapia, aids e
vaccinazioni sono assolutamente inaccettabili” – è quanto dichiara il Prof. Umberto Tirelli, direttore del dipartimento di Oncologia medica dell’Istituto Tumori di Aviano.

“L’urinoterapia è una delle tante terapie alternative proposte per la terapia del cancro che vanno dalla dieta macrobiotica alla meditazione, dalla naturopatia all’aloe vera, al
siero di Bonifacio alla parapsicologia, ai clisteri di caffè, alla pranoterapia e chi più ne ha ne metta ecc. – ultima la terapia Di Bella – assolutamente prive di basi
scientifiche, e che più di una volta messe alla prova non hanno mai dimostrato un’attività clinica. Anche l’urinoterapia, recentemente, negli anni 80, è stata testata nella
terapia del cancro in diversi lavori pubblicati su riviste mediche e si è dimostrata inefficace ad esempio nella terapia delle metastasi epatiche del colon retto.

Da molti decenni combattiamo contro i cattivi consiglieri dei malati di cancro e dei loro famigliari, che, di fronte all’evoluzione sfavorevole di un tumore, cercano alternative che gli vengono
propugnate essere valide da personaggi senza alcuna valenza scientifica e che rasentano il ridicolo quando sostengono, come fa il sig. Vanoli, che l’hiv non è la causa dell’aids.
Mentre ho visto personalmente morire centinaia di persone fino a quando le terapie anti hiv hanno improvvisamente fatto crollare la mortalità. Al contempo, chi in Africa non fa questa
terapia anche perchè non ne ha le possibilità, continua a morire.

Per quanto riguarda i vaccini, altro punto contro cui si scaglia l’esperto scientifico del M5S, che ipotizza una tragicomica associazione con l’omossesualità, va ribadito che sono
uno dei più grandi progressi compiuti dall’umanità per debellare malattie mortali o di grande impatto come la poliomelite, il morbillo, la difterite, l’epatite b, che con la
vaccinazione scompaiono mentre sussistono in paesi che ne sono privi. Per esempio i tumori che sono associati all’epatite b stanno scomparendo nei paesi dove la vaccinazione è stata
implementata da anni.

Chi dice stupidaggini scientifiche deve essere contrastato in modo efficace perché la nostra Costituzione assegna allo Stato il compito di vigilare sulla salute pubblica e la vaccinazione
è uno di questi interventi. Sarebbe bene che il sig. Grillo, a capo di questo movimento cinque stelle, intervenisse smentendo le affermazioni di questo suo autoproclamatosi esperto di
sanità e ambiente”.

www.umbertotirelli.it

Redazione Newsfood.com+WebTv

Leggi Anche
Commenti ( 2 )
  1. Giuseppe
    18 Aprile 2016 at 10:29 am

    Sono pienamente convinto che l’esposizione del Vanoli
    sia estremamente discutibile,anzi,direi addirittura illegibile.

    Ma a mi avviso vanno messe in discussione le posizioni di molti “Luminari”.
    Lei cita la terapia Di Bella : lei sa benissimo che i criteri di sperimentazione,
    effettuata su malati terminali,preludevano già il fallimento,visto che la terapia
    era prevista in fase precoce.
    Un pò come dire,se testo un cerotto su uno squarcio,il risultato sarà negativo.

    Lei cita il discorso dei vaccini:
    è innegabile che non abbiano solo vantaggi,in natura il rovescio della medaglia esiste sempre.
    Certo,il bilancio dare-avere è positivo nei casi da lei citati.
    Ma ora sento ventilare vaccinazioni di massa su malattie come il morbillo in paesi moderni come il nostro.
    Io e mia soreella abbiamo affrontato tutte le malalattie infantili,e come noi tutti i nostri compagni di scuola.
    Allora sembrava normale,a medici che parevano luminari esattamente come quelli di oggi che invece vorrebbero
    “sterilizzae” i bambini.
    Magari perchè non potenziare le capacità e tempestività di intervento nei casi delicati,che magari hanno anche una prevedibilità.
    Perchè vaccinare soggetti che verosimilamnete,contrendo il morbillo passerebbero semplicemente una settimana sotto le coperte ?
    Tempo fa,questa settimana sotto le coperte veniva indicata come un toccasana per creare difese immuniterie,da luminari uguali a coloro che oggi negano.
    Forse per malattie minori,il danno supera il beneficio,e la strada corretta è la vigilanza dei soggetti realmente a rischio.

    Ricordiamo poi che la cosidetta “Lobby dei Farmaci” NON è un invenzione.
    Ricordiamo il caso della febbre suina del 2009.
    Nata in messico,trascurata per lungo tempo,il nostro Paese non limita i viaggi verso le zone a rischio,
    non prende nessuna misura nei confronti die viaggiatori,sostenendo che “la quarantena li porterebbe alla clandestinità”,
    e così fanno molte altre nazioni.
    Risultato : l’OMS dichiara “pandemia”,e parte una produzione esorbitante di vaccini.
    Dopo anni che la pandemia veniva prospettata eccola finalmente,ce l’abbiano fatta a provocarla,

    Nel nostro paese muoiono persone già debilitate,che avrebbero potuto vivere ancora se magari qualcuno avesse rinunciato alla vacanza in messico.
    Invece di usare prudenza,abbiamo tranquillamente importato febbre e vaccini.
    Che,per fortuna,sono rimasti a marcire: fu un vero e proprio danno per i conti pubblici di moltissimi paesi.
    Scorte e denari invesititi e poi,la tanto “desiderata” epidemia,fa una sonora pernacchia ai rapaci del farmaco:
    lasciata fare da se,in paesi civili,in condizioni igieniche decenti,con gente nutrita,vestita,protetta dalle intemperie,
    che vive in case con acua potabile ed utilizza le normali precauzioni ed i normali supporti farmacologici,
    la febbre suina diventa una comune influenza e svanisce da se…..rincorsa dalle supposte di tachipirina…

    Sinceramente,io in quel caso non ho fatto il vaccino…al bisogno,avrei preferito le supposte di tachipirina.
    Non posso pensare di sterilizzarmi e vaccinarmi contro tutto,devo pensare a prevenire e curare presto e bene il possibile,

    E mi scusi,la prevenzione e l’intervento precoce non sono la punta di diamante della nostra sanità.
    Dai tempi di attesa biblici,alla preclusione o difficile accesso a metodi diagnostici,
    per poi magari ricorrere indiscriminatamente ad altri metodi diagnostici che sembrano “in promozione”,
    Uno per tutti: ora sento palare di colonscopia anche per la diagnosi corretta dell’appendicite.
    A me da bambino hanno posto una mano sulla pancia e non hanno avuto dubbi: ho ancora oggi il referto radiologico che conferma il quesito risultato dall’esame obietivo dell’addome.

    Il progresso è una cosa bellissima ma non dovrebbe calpestare altre abilità: il condizionatore è ottimo ma devo anche imparare a sopportare la calura estiva.
    E soprattuto NON devo confondere progresso e sete di denaro,cosa che puntualmente avviene,testimoniano i vari scandali che hanno travolto luminari e non di tutti i paesi.
    Peccato che,come sempre,i disonesti escano dalla finestra per rientrare dalla porta.
    Ci vorrebbe un vaccino per debellarli.

  2. Gerardo D'Amico
    15 Agosto 2017 at 6:11 pm

    Bravo professore, sottoscrivo e grazie per il tuo intervento.

Scrivi un commento