Il formaggio Gran Moravia vince il premio “Italian Anuga Award 2011: le eccellenze del made in Italy”

Il formaggio Gran Moravia vince il premio “Italian Anuga Award 2011: le eccellenze del made in Italy”

Zanè (VI) – Il formaggio Gran Moravia è stato premiato come
“miglior innovazione di prodotto” nel corso della fiera ANUGA di Colonia. Il riconoscimento è stato consegnato alla Brazzale Spa, lo scorso 8
ottobre, dal presidente della fiera Gerald Böse, durante la serata “Tutti a tavola! Italian fine foods and wines at Anuga 2011” promossa dal Ministero
per lo Sviluppo Economico, Federalimentare, Italia del Gusto e Kölnmesse, alla presenza di operatori, imprenditori e buyers da tutto il mondo.

Presente l’ambasciatore italiano in Germania, il momento ha rappresentato il “clou” della più importante fiera mondiale dell’alimentare, che ha avuto quest’anno l’Italia come paese
partner. Organizzato da Kölnmesse Italia e Tespi mediagroup, il premio “Italian Anuga Award 2011: le eccellenze del made in Italy” è stato
indetto per dare un riconoscimento “ai migliori prodotti, le migliori aziende del panorama agroalimentare italiano, alla qualità, al lavoro, alla passione, alla capacità di
comunicare i valori del proprio prodotto”.

«L’assegnazione dell'”Italian Anuga Award 2011″ rappresenta uno straordinario risultato che premia non soltanto le assolute qualità casearie ed organolettiche di Gran Moravia, ma
anche la innovativa struttura di filiera realizzata dai nostri tecnici italiani in Moravia e le fasi di stagionatura e confezionamento realizzate in Italia. – dichiara Roberto Brazzale,
Presidente del Gruppo Brazzale – La caratura delle altre imprese concorrenti e dei loro progetti rende ancora più prezioso il risultato conseguito. Vogliamo dedicare questo prestigioso
riconoscimento proprio ai nostri tecnici e a tutti i nostri clienti e collaboratori che hanno sempre creduto nel progetto Gran Moravia, sempre più avvincente e ricco di
soddisfazioni».

Il successo di Gran Moravia è stato completato dal flusso continuo di visite allo stand da parte di operatori di ogni provenienza. La fiera ANUGA ha ospitato quest’anno oltre 6.500
espositori e oltre 150.000 visitatori professionali provenienti da tutto il mondo, su una superficie espositiva di oltre 300.000 mq.

Brazzale Spa

Attiva nel mondo del latte dalla fine del settecento, la Brazzale Spa è la più antica azienda familiare italiana del settore lattiero caseario, in attività ininterrotta da
ben otto generazioni. Dal 2002 la famiglia Brazzale ha unito le sue forze a quelle della famiglia Zaupa, altra realtà di eccellenza attiva da generazioni nelle paste filate e
pressate.

La ricerca continua della migliore combinazione di qualità, convenienza e salubrità dei suoi prodotti, ha portato il gruppo a essere oggi protagonista del settore in Italia con
quattro prodotti DOP e sei diversi marchi: Alpilatte, Il Burro delle Alpi, Verena, Zogi, Gran Moravia e Silvopastoril.

Socio fondatore di Assolatte nel 1945, l’azienda ha aderito sin dal momento della sua fondazione al Consorzio di tutela del Formaggio Grana Padano nel 1954, ed è socia del Consorzio di
tutela dell’Asiago e del Provolone Valpadana.

Brazzale Spa ha chiuso il 2010 con un fatturato di 152 milioni di euro e conta oltre 300 dipendenti e 6 impianti produttivi distribuiti in Italia, Repubblica Ceca e Brasile.


Gran Moravia: la nostra etichetta riporta l’indicazione d’origine

Zanè (VI) – Gran Moravia, formaggio duro a lunga stagionatura prodotto dal Gruppo Brazzale, anticipa tutti iniziando già dal presente mese
di ottobre a indicare sulle etichette il luogo di provenienza della materia prima – cioè la Filiera ecosostenibile certificata realizzata in
Moravia, regione della Repubblica Ceca – l’indicazione del caseificio dove viene lavorato il latte (Litovel – Repubblica Ceca), quella del luogo di stagionatura (Italia) e di confezionamento
(Zané – Italia).

“In questo modo abbiamo anticipato volontariamente gli effetti del tanto richiesto obbligo di indicazione di provenienza, contenuto in un provvedimento da molto tempo fermo a Bruxelles e che
probabilmente non vedrà mai la luce.” Dichiara Roberto Brazzale, Presidente del Gruppo Brazzale. “A suo tempo già avevamo scelto di indicare la provenienza della materia prima
nello stesso marchio, Gran Moravia, proprio per vantarne la qualificante provenienza: la splendida regione agricola della Moravia. La logica è quella degli altri grana: come è
ovvio che il grana padano proviene dalla pianura padana o il parmigiano reggiano da Parma e Reggio, altrettanto evidente è che il Gran Moravia viene dalla Moravia.”

“Per esigenze di semplificazione, la normativa europea finisce per non comunicare al consumatore tutta l’articolazione della filiera produttiva, obbligando soltanto ad indicare il luogo dello
stabilimento di ultima elaborazione del prodotto. Ciò rischia di penalizzare le produzioni di alta qualità, che hanno nell’elemento territoriale di provenienza della materia prima
una caratteristica altamente qualificante, come i formaggi Dop o quelli di filiera pregiata, quali sono appunto il Gran Moravia e il Verena.”

“Ciascuna delle fasi di produzione del Gran Moravia rappresenta per noi il massimo grado di efficienza oggi realizzabile, in termini di qualità e sicurezza, ed avviene nel luogo da noi
individuato ideale per ottenere i massimi risultati.”

Il gruppo Brazzale, di fronte alle straordinarie opportunità offerte dall’apertura dei mercati, ha deciso circa dieci anni fa di orientare tutto il suo sviluppo verso la creazione di
sistemi agroindustriali fondati su una base agricola e zootecnica “sostenibile”, cioè in grado di operare senza sbilanciare l’equilibrio ecologico ed in grado di migliorare l’impatto
ambientale provocato dai sistemi tradizionali, nonché la salubrità dei prodotti stessi.

Per creare tali filiere, è stato dapprima necessario individuare le aree che ne permettessero l’insediamento in virtù di un’ampia disponibilità di territorio e di
condizioni climatiche favorevoli, quindi realizzare delle innovative linee di prodotto. Per la produzione di formaggi è stata scelta la Moravia, in Repubblica Ceca. La filiera Gran
Moravia raccoglie giornalmente il latte da oltre 15.000 capi bovini altamente selezionati, allevati in una rete di 62 fattorie che si estendono su quasi 100.000 ha. di terreno nella regione
agricola della Moravia, dove vengono coltivati i migliori foraggi per la caseificazione del formaggio Gran Moravia.

www.brazzale.com

Redazione Newsfood.com+WebTv

Leggi Anche
Scrivi un commento