Il Codacons denuncia rincari per le Stelle di Natale fino al 400%

Il Codacons denuncia rincari per le Stelle di Natale fino al 400%

Roma – I prezzi delle stelle di Natale, le tradizionali piantine rosse che ogni anno abbelliscono le case durante le festività natalizie, sono alle stelle, con ricarichi fino al
400% nel passaggio dal produttore al negoziante per quanto riguarda l’ultima moda: le stelle di Natale ad alberello e a piramide.   
A denunciarlo è stato il Coordinamento delle Associazioni per la Difesa dell’Ambiente e dei Diritti degli Utenti e dei Consumatori (Codacons).   

Secondo l’associazione, le Stelle di Natale, a seconda dell’altezza, oscillano all’ingrosso da 12 a 30 euro, mentre al dettaglio si vendono tra i 50 e gli 80 euro. In media nazionale queste
piantine si trovano a 20 euro dai vivaisti, mentre dai fioristi, a parità di altezza e composizione, si trovano a 60 euro, 3 volte tanto, con un ricarico medio del 200%. A Roma, denuncia
il Codacons, la stessa identica pianta si trova a 20 euro dal vivaista e a 60 euro da un fiorista. I ricarichi, però, possono arrivare anche al 400%, ossia 5 volte tanto: piantine vendute
all’ingrosso a 12 euro sono state vendute al dettaglio a 60 euro.   

“E’ evidente la speculazione in atto”, scrive Codacons in una nota. “Per questo – spiega l’associazione dei consumatori – invitiamo i consumatori ad acquistare solo dai vivaisti o, nel caso delle
stelle di Natale più tradizionali, negli ipermercati”. Inoltre, per quanto riguarda i prezzi delle stelle di Natale tradizionali dai fioristi, la città più cara é
Napoli per le piante grandi e Milano per le piccole e le medie. I vivaisti più cari sono invece a Napoli.

Ansa.it per NEWSFOOD.com

Leggi Anche
Scrivi un commento