I 3 Bicchieri al Franciacorta Millesimato Brut 2005 de La Montina

I 3 Bicchieri al Franciacorta Millesimato Brut 2005 de La Montina

3 bicchieri al Franciacorta Millesimato Brut 2005 de La Montina di Monticelli Brusati: il riconoscimento da parte del Gambero Rosso a questo Franciacorta premia un lungo lavoro e l’ impegno –
sia in vigna che in cantina – dell’azienda della famiglia Bozza. Composto da 65% Chardonnay, 35% Pinot Nero, il Millesimato Brut 2005 matura per 36 mesi sui lieviti, parte in barrique e parte
in vasca. Le sue uve provengono da vigneti selezionati, con una resa per ettaro non superiore agli 85 quintali. Vengono utilizzate solo le prime spremiture, ottenute dalla pigiatura soffice
delle uve realizzata con il torchio verticale Marmonier (costruito in Franciacorta grazie al supporto d’artigiani amici della cantina, ad oggi uno dei rarissimi presenti in Italia e uno dei due
disponibili in Franciacorta), quindi con rese non superiori al 35%, a garanzia di una totale pulizia in fase di pigiatura e mantenendo acidità più elevate: come noto, pressatura
soffice permette infatti all’acino d’uva di mantenere intatte tutte le proprie qualità organolettiche, che andrebbero in buona parte perse con una pressatura violenta e traumatica.

Spuma ricca, fine e persistente, colore giallo intenso ricco di riflessi verdognoli, un profumo ricco di sentori floreali, equilibrato e ben evoluto, sapore complesso, con retrogusto di leggera
vaniglia e frutta matura, il Millesimato Brut 2005 La Montina è un vino da tutto pasto, che ben si abbina a primi piatti, pesce, formaggi anche stagionati, carni bianche.

Grande soddisfazione dunque da parte della famiglia Bozza per i 3 bicchieri assegnati a uno dei Franciacorta di punta della gamma aziendale.

“Il raggiungimento dei 3 bicchieri, è il coronamento di scelte fatte da tutto lo staff di cantina – commenta Michele Bozza, direttore commerciale e marketing dell’azienda – Mi piacerebbe
citare coloro che sovente lavorano dietro le quinte, ma che hanno contribuito al nostro successo. In primis, Roberto Belleri, con La Montina da quasi 25 anni, che grazie alle sue
capacità e senso del dovere è persona insostituibile. E poi Rocco Marino, agronomo, giovane con le idee chiare, che ha portato una nuova gestione dei vigneti, ottenendo un
miglioramento qualitativo della base del vino, l’uva; Cesare Ferrari, enologo storico della Franciacorta, che non ha bisogno di presentazioni; Nicolas Secondes, l’enologo francese che ci segue
da anni e che ha sicuramente influito sulle scelte per arrivare ai livelli prefissati; Alceo Totò, agronomo, anche lui storia a La Montina, palato accorto e critico. Poi ci siamo noi, la
famiglia Bozza, che dettiamo la filosofia dei prodotti, seguendo il nostro istinto e piacevolezze.”

La Montina: l’azienda, di proprietà della famiglia Bozza, ha sede e cantina a Monticelli Brusati e si sviluppa su di una superficie vitata di circa 70 Ha sparsi in 7 Comuni della
Franciacorta. Vigneti, con giacitura preminentemente collinare, dislocati su terreni calcarei e limo-argillosi con una resa media di 85/90 q.li/Ha e una densità di 5.400/6.500
ceppi/Ha.

La produzione è di circa le 450.000 bottiglie, concentrate in un buon 85% di Franciacorta e per il restante 15% in bottiglie di Curtefranca DOC e Riserve V.d.T.

www.lamontina.it – info@lamontina.it – tel. 030 6854085

Leggi Anche
Scrivi un commento