Treviso, arriva la salamella da 7 chilometri

Treviso, arriva la salamella da 7 chilometri

Realizzare una salamella gigante, lunga ben 7 chilometri.

Questo è quanto Bruno Bassetto, macellaio-scrittore non nuovo a salumi extralarge, tenterà di realizzare sabato 10 e domenica 11 ottobre ai Bastioni di San Marco a Treviso.

In tale impresa, Bassetto sarà accompagnato idealmente dai rappresentanti della Regione veneto: al suo fianco si sono infatti schierati il Vicegovernatore del Veneto Franco Manzato, il
Presidente della Provincia di Treviso Leonardo Muraro accompagnato dall’Assessore all’Agricoltura Marco Prosdocimo, il Comune di Treviso con l’Assessore Stefano Bastianetto che sta seguendo da
mesi in prima linea la crescita di questo progetto.

Spiega Bassetto: “Una sfida al mondo da Treviso, dalla sua carne e dalla sua cucina. Una sfida che vinsi nel 2000 raggiungendo i 5.083 mt di salamella aggiudicandomi il Guinness dei Primati.
Ora ripropongo il record, lo faccio affiancato da una trentina di colleghi macellai e dalle istituzioni che hanno creduto da subito in questo progetto. Ora mi auguro che a crederci siano i
trevigiani e i veneti.” Il 10 e l’11 ottobre sono i giorni scelti per questa sfida, sabato 10 sarà la giornata di preparazione in attesa del Guinness, e la domenica dalle 7 del mattino
una trentina di macellai daranno il via a quella che è destinata a diventare una salamella da record: 7.000 mt.
“Lancio un appello che spero verrà accolto: vorrei che i 35/40 quintali di carne che serviranno per confezionare la salamella siano certificati, carne di qualità, la
qualità del Consorzio Gran Suino Padano DOP transitoria. Aspettiamo in queste ore la loro risposta”.

In ogni caso l’iniziativa del macellaio dei record sta trovando numerosi sostenitori, ben consci del potere promozionale di un’impresa del genere.

Ecco infatti come si esprime il presidente della Provincia di Treviso, Leonardo Muraro: “Un plauso all’imprenditore Bassetto che nei momenti di crisi non si lascia frenare ma rilancia, un
plauso all’imprenditoria che sa mettersi in gioco ed investire, proprio nelle difficoltà. Sarà un’occasione unica per promuovere la trevigianità nel mondo. Perché
oltre alla salamella saranno protagonisti i prodotti della Marca: il radicchio, i funghi e i vini. Tutti potranno conoscere e gustare l’eccellenza trevigiana portata in piazza, o meglio sulle
mura di Treviso, da questa grande iniziativa”.

A sostegno di Bruno Bassetto, inoltre, si schiereranno e l’Ascom di Treviso, la Confraternita del Raboso Piave con il Gran Maestro Mario Barbieri e il produttore Giorgio Cecchetto che hanno
lanciato l’idea di proporre la salamella al gusto Raboso DOC.

Ma la creazione della maxi salamella non sarà solo buon cibo e promozione della cultura locale, ma anche sostegno è solidarietà.

Conclude infatti il macellaio Bassetto: ” Parte del ricavato dalla vendita della Salamella del Record verrà devoluta a due associazioni che operano nel volontariato trevigiano.
Perché pensiamo sia importante che iniziative grandi come questa vadano arricchite con un valore unico, il dono agli altri”.

Matteo Clerici

Leggi Anche
Scrivi un commento