Grazie al “contadino spazzaneve” scongiurato l’isolamento delle zone rurali

Grazie al “contadino spazzaneve” scongiurato l’isolamento delle zone rurali

Roma – Per liberare le strade sono stati mobilitati anche gli agricoltori della Coldiretti con trattori utilizzati come spalaneve e spandiconcime adattati per la distribuzione del sale
contro il gelo. E’ quanto riferisce la Coldiretti nel sottolineare che si tratta di un intervento che ha consentito a molti chilometri di strada situati anche nelle campagne più impervie
di essere liberati da neve e ghiaccio.   

La possibilità di utilizzare anche i mezzi meccanici agricoli messi a disposizione dagli imprenditori delle campagne ha garantito – sottolinea la Coldiretti – la viabilità e
scongiurato il rischio di isolamento delle abitazioni soprattutto nelle aree interne e montane, grazie alla maggiore tempestività di intervento. La presenza diffusa delle imprese agricole
sul territorio – precisa la Coldiretti – assicura infatti la possibilità di un intervento capillare e rappresenta una opportunità che potrebbe ulteriormente espandersi con una
maggiore sensibilità di Comuni e Province.   

La figura dell'”agricoltore spazzaneve” è nata – spiega la Coldiretti – grazie alla legge di orientamento che consente alle pubbliche amministrazioni di stipulare convenzioni con gli
agricoltori per lo svolgimento di attività funzionali “alla sistemazione e manutenzione del territorio” anche attraverso l’utilizzo di mezzi meccanici agricoli. Si tratta di una legge –
conclude la Coldiretti – che per la prima volta identifica come attività agricola anche la prestazione di servizi per la collettività, tramite l’utilizzazione di attrezzature
aziendali, riconoscendo così il ruolo multifunzionale dell’agricoltura per la tutela dell’ambiente e la sicurezza dei cittadini.

Ansa.it per NEWSFOOD.com

Leggi Anche
Scrivi un commento