Nutrimento & nutriMENTE

Giacobazzi Vini riapre e rinnova il Museo del Vino

Giacobazzi Vini riapre e rinnova il Museo del Vino

By Tiziana

Riapre il percorso espositivo allestito presso la Cantina Giacobazzi, che accompagna i visitatori al cuore della cultura del Lambrusco, dalla coltivazione della vite alla produzione del vino, attraverso un viaggio coinvolgente nella memoria per vivere in prima persona tutte le emozioni legate al mondo del vino e della civiltà contadina. Tra le novità, il rinnovo della sala che raccoglie auto d’epoca e cimeli sportivi legati alla F1 e alle due ruote.

Nonantola (MO), 15 giugno 2021 – Riapre le porte il Museo del Vino e della Civiltà Contadina presso le Cantine Giacobazzi di Nonantola (MO), che presenta una raccolta unica di attrezzi legati all’agricoltura e alla vinificazione provenienti dalla Cantina stessa, insieme ad altri pezzi, di inestimabile valore, frutto dell’accurato percorso di ricerca personale del signor Antonio Giacobazzi in Italia e in Europa, riuscendo nell’obiettivo di dare una nuova vita a migliaia di attrezzi, memoria di un tempo passato di cui si vuole mantenere vivo il ricordo.

Il Museo del Vino e della Civiltà Contadina nasce per portare i visitatori al cuore della cultura del Lambrusco, in un viaggio coinvolgente per vivere in prima persona tutte le emozioni legate al mondo del vino e alla civiltà contadina, valorizzando i prodotti tipici enogastronomici di eccellenza che sono pura espressione del territorio.

Per gli appassionati di sport, il Museo presenta una bella novità: il rinnovo della saladedicata ai cimeli sportivi, pezzi unici che raccontano il legame della famiglia Giacobazzi con i grandi campioni della Formula 1 e del ciclismo come Gilles Villeneuve, Marco Pantani e Walter Villa.

Sono attualmente in esposizione, tra gli altri, la Ferrari F1 SF16-H 2016 di Sebastian Vettel, la Williams FW16 1994 di Ayrton Senna, il casco autografato Simpson M61 del pilota Ferrari Mario Andretti (1982), oltre a scocche di auto di F1, come la Ferrari monoposto di Gilles Villeneuve, la bicicletta e numerose maglie di Marco Pantani e alcune moto d’epoca.

L’esperienza di visita guidata presso Cantine Giacobazzi si conclude con la degustazione di una selezione di vini in abbinamento a piatti della tradizione locale.

Tra i vini che proponiamo in degustazione, segnaliamo due etichette che sono espressione dell’anima più autentica del territorio: il Bollino Oro, bottiglia che ricorda gli anni di crescita della prima produzione di Lambrusco di Sorbara D.O.C., e l’Ampergola, vino pregiato di Lambrusco Grasparossa di Castelvetro D.O.C. che riprende il nome del vigneto in cui sono state coltivate le uve.” – spiega Giovanni Giacobazzi – Presidente di Giacobazzi Vini. “Entrambe le etichette sono presenti nelle carte dei vini di apprezzati ristoranti emiliani, che contribuiscono a rendere vitale la nostra comunità: cogliamo l’occasione per fare il nostro più sentito augurio di buona ripresa dell’attività a tutto il settore della ristorazione, che sosteniamo da sempre e che è stato fortemente colpito dalle restrizioni imposte dell’emergenza sanitaria.”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: