Francia. Francois Hollande difende il foie gras

Francia. Francois Hollande difende il foie gras

Chi pensa che l’alimentazione sia una cosa semplice deve fare un salto in Francia. Oltre le Alpi, il foie gras scatena dibattiti feroci e dubbi amletici.

Da un lato, i cittadini transalpini sono sensibili al benessere degli animali, non indifferenti al gavage, l’alimentazione forzata di oche ed anatre che porta alla caratteristica deformazione
del fegato.

Dall’altro, non rimangono sordi al richiamo della Patria: il foie gras è orgoglio della gastronomia francese, recentemente vittima di duri colpi.

Il primo è arrivato dalla Germania, con la prestigiosa fiera di Colonia che ha bandito
l’alimento dai suoi stand.

E poi, la California: dal 1 luglio, una legge dello Stato vieta produzione e vendita del foie gras. Le TV transalpine hanno dato largo spazio all’argomento, con servizi sui buongustai
disperati ma pronti a rifornirsi, foss’anche al mercato nero.

Non stupisce perciò come il foie gras sia entrato ai primi posti dell’agenda politica. Sabato scorso il Gers, zona agricola centro della produzione, è stato oggetto di visita da
parte del Presidente della Repubblica, Francois Hollande.

Vestito da agricoltore, con stivaloni d’ordinanza, il politico ha chiarito subito il suo pensiero: “Il foie gras è una grande produzione francese che onora gli allevatori che le si
consacrano. Non lascerò mettere in discussione le esportazioni di foie gras, in particolare in certi Paesi o certi Stati in America”.

Chiarissimo il riferimento alla California, specialmente quando ha sottolineato come gli Stati in questione “Non possono difendere il libero scambio e poi impedire la vendita di un buon
prodotto come il foie gras”.

Ecco allora, la promessa d’azione: l’obiettivo è chiaro, eliminare la legge californiana, meno come raggiungerlo. Ad oggi, Hollande si è limitato a parlare di convincere i
cittadini USA, ammettendo però come misure più concrete siano pressoché impossibili.

Non manca la concessione all’ecologia. Durante il suo discorso, il Presidente della Repubblica ha ricordato come “Gli allevatori francesi hanno fatto dei grandi sforzi per mettersi a norma, per
rispettare tutte le regole che sono state imposte dall’Europa per il benessere degli animali”.

E per chiudere, una battuta: “Comunque, visto che il foie gras vorremmo consumarlo tutto qui in Francia ma talvolta la mancanza di potere d’acquisto ce lo impedisce, non vorremmo mai privarne
gli americani!”.

Matteo Clerici

Leggi Anche
Scrivi un commento