Formigine sempre più “Terra di Balsamico”: un’insegna alle porte della città e la Dop per l’Acetaia Comunale

Formigine sempre più “Terra di Balsamico”: un’insegna alle porte della città e la Dop per l’Acetaia Comunale

Una grande insegna da questa mattina affianca il cartello che annuncia l’ingresso a Formigine – sia a Corlo che a Casinalbo – e avvisa chi entra in città: qui si approda ufficialmente in “Terra di Balsamico”. Con questo messaggio Formigine fa da apripista a un’iniziativa corale lanciata dalla Consorteria del Balsamico Tradizionale di Spilamberto, che auspica che la stessa insegna arrivi a essere affissa in tutte le 22 cittadine modenesi che accolgono un’Acetaia Comunale.

L’Acetaia di Formigine è nata quasi 50 anni fa, originariamente custodita nel sottotetto di Villa Gandini; dal 1994 è condotta dal maestro Giorgio Ferrari e nel 1997 è stata spostata in Villa Benvenuti, dov’è tuttora ospitata. E’ intitolata a Francesco Aggazzotti, primo sindaco di Formigine nell’Italia Unita, avvocato, agronomo ed enologo: da una sua lettera del 1862 si è ricavato il disciplinare di produzione per la denominazione di origine protetta dell’Aceto Balsamico Tradizionale. Oggi l’Acetaia Comunale di Formigine è a un passo da un imporante riconoscimento: l’idoneità alla Dop; manca solo l’ultimo passaggio formale, atteso tra qualche giorno.

“C’è una grande cultura del Balsamico sul nostro territorio: ogni anno sono tanti i formiginesi che partecipano e che vengono premiati al Palio di San Giovanni. Ringraziamo la Consorteria per il lancio di questo progetto che speriamo possa diventare un volano per tutta la provincia di Modena nei mesi della ripartenza dopo la pandemia” afferma il Sindaco di Formigine Maria Costi.

L’Acetaia di Formigine – composta da due batterie da cinque barili ciascuna e da una botte madre – non è la sola a essere in attesa del bollino Dop: delle 22 Acetaie Comunali della nostra provincia 14 sono già certificate e a loro si aggiungeranno a breve anche quelle di Castelvetro, Camposanto e l’Acetaia Ducale di Modena (presso l’Accademia). Complessivamente si parla di 74 batterie, 469 barili, 32 barrique, cilca 20mila litri di capienza e 17mila di giacenza.

“Sono numeri che mi rendono estremamente orgoglioso e che sono destinati ad aumentare – sottolinea il Gran Maestro Maurizio Finiessi sono il risultato di un’accresciuta consapevolezza: finalmente cominciamo a capire il valore culturale di questo tesoro che da secoli ci troviamo tra le mani. E per questo devo ringraziare l’amministrazione di Formigine e quelle di tutti gli altri Comuni, perché attaverso le Acetaie Comunali hanno saputo dar voce e sostanza alla nostra tradizione proiettandola nel furuo dove le giovani generazioni potranno toccarla con mano e sentire tra i profumi e le suggestioni delle botti tuttà la modenesità di un prodotto unico al mondo”.

Con l’imminente certificazione, l’Acetaia Comunale di Formigine ottiene l’ammissione alla filiera DOP, pertanto dovrà annualmente dimostrare – tramite  dichiarazioni ufficiali – all’ente di controllo Kiwa Cermet di aver utilizzato mosti provenienti da produttori altrettanto certificati a garanzia del disciplinare previsto per le Denominazioni di Origine Controllata. Alla necessità di rincalzi e rabbocchi provvederà direttamente la Consorteria di Spilamberto, in grado di fornire ottimo mosto acetificato prodotto nelle cantine di Palazzo Fabriani.

Attualmente anche altri Comuni stanno deliberando l’installazione delle insegne “Terra di Balsamico”: “Questo sarà di supporto al nostro progetto più ambizioso – conclude Fini – ovvero vedere il Balsamico diventare patrimonio Unesco: la candidatura è già stata presentata, sappiamo che i tempi sono lunghi, ma il nostro aceto tradizionale, figlio del tempo e della pazienza, ci insegna a non avere fretta”.

Leggi Anche
Scrivi un commento