Flussi di merci in aumento al porto di Cremona

Cremona, 10 Dicembre 2007 – E’ sensibilmente aumentata la quantità delle merci passate nel porto di Cremona attraverso le tre modalità di trasporto utilizzabili nella
struttura: dalle 766mila tonnellate del 2006 infatti si è passati a un flusso di oltre un milione e centomila tonnellate nel 2007, equamente divise fra trasporti via acqua, gomma e
ferro. Un risultato positivo ottenuto grazie all’impegno di promozione e organizzazione della Provincia che ha, in seguito al trasferimento da parte della Regione, preso in gestione diretta la
struttura.

Un risultato che potrà essere ulteriormente incrementato non solo in funzione della realizzazione di grandi opere infrastrutturali, dal collegamento ferroviario diretto con il futuro
scalo merci di Cavatigozzi, all’apertura del “peduncolo” e poi del terzo ponte, agli interventi per rendere effettiva la navigazione del Po. Interventi anche a breve periodo consentirebbero un
incremento delle merci trasportate e dei servizi logistici offerti nell’area portuale. E si tratta di opportunità offerte a imprese private.

Scade infatti fra pochi giorni, lunedì 17 dicembre, il bando per la cessione di 7000 metri quadrati interni all’area a soggetti interessati alla realizzazione di magazzini raccordati per
l’interscambio ferro-gomma-acqua.
Le aree verranno date in concessione trentennale alle aziende che presenteranno le offerte migliori per appezzamento richiesto e per incremento sul prezzo a base d’asta, fissato in 3 euro a
metro quadrato: un costo volutamente molto basso proprio per incentivare l’interesse anche di imprese locali e di piccole-medie dimensioni, che potrebbero trovare in questa iniziativa
opportunità significative di espansione della propria attività.

Leggi Anche
Scrivi un commento